Widgets Magazine
07:06 26 Agosto 2019

La piaga dell’alcol tra i militari americani

© Foto : US Army Europe/Richard Bumgardner
Mondo
URL abbreviato
6112

In settimana il commando statunitense delle operazioni speciali ha richiamato dall’Iraq un plotone di forze speciali della Marina militare USA. La ragione, secondo i media, è che avrebbero alzato il gomito.

I media sono riusciti a stabilire che circa 20 soldati consumavano regolarmente alcolici nell’area delle operazioni militari, attività assolutamente vietata. I loro commilitoni sapevano, ma tacevano. Dunque, la divisione rientrerà alla base di San Diego e verranno inviati altri a combattere. Sputnik vi racconta questo e altri casi di ebbrezza tra le fila dei soldati americani.

I più ubriachi

Già ad aprile la rivista americana Military Times ha comunicato che i militari sono la prima professione del Paese per casi di ebrezza. I militari in media alzano il gomito 130 giorni l’anno superando così i minatori e i muratori che bevono rispettivamente 112 e 106 giorni l’anno. L’organizzazione che ha condotto la ricerca osserva che tra il 2013 e il 2017 il periodo di tempo passato da ubriachi è aumentato in media del 34%. Ogni anno sempre più militari fanno abuso di bevande alcoliche.

Secondo uno studio pubblicato a luglio 2018 dalla Rand Corporation circa il 30% dei militari americani fa abuso di alcol. In testa alla classifica per ebrezza vi è la Fanteria di marina, seguita dalla Marina militare e dalla Guardia costiera. Non di rado tale ebrezza provoca incidenti.

Nel 2017 ai soldati americani ospitati in Giappone è stato vietato l’alcol. Non potevano acquistare e consumare bevande alcoliche né all’interno né all’esterno delle basi. Queste restrizioni sono state introdotte dopo che un fante di marina, guidando un camion, aveva colpito, uccidendolo, un abitante della cittadina giapponese di Naha nella prefettura di Okinawa. Il soldato era passato col rosso e si era scontrato con il piccolo furgone guidato dal cittadino giapponese, che era morto sul colpo. Il fante di marina è stato condotto alla stazione di polizia. Le indagini hanno dimostrato che si trovava in stato di ebrezza.

Questo non è il primo caso di incidente stradale legato all’alcol nella prefettura di Okinawa. A giugno 2016 la polizia giapponese aveva fermato un militare statunitense per guida pericolosa in stato di ebrezza. Il sergente, membro ventisettenne della fanteria di marina della base aerea di Kadena, non ha ammesso la propria colpevolezza, ma le analisi del sangue hanno evidenziato presenza di alcol. Un mese prima una militare americana aveva causato un incidente letale. Mentre stava guidando dopo una serata fuori, si era spostata sulla corsia di transito opposta, scontrandosi con due auto. L'incidente è costato la vita a diversi abitanti del luogo.

A febbraio 2018 i militari americani in Giappone sono stati coinvolti in un caso di narcotraffico. I membri della settima flotta della Marina militare USA, dislocata presso la base di Yokosuka, a sud di Tokio, hanno affermato che il processo è stato avviato per via di una soffiata secondo cui alcuni marinai facevano uso di droga e la spacciavano.

Ebrezza al nucleare

I militari americani fanno uso di alcol non solo all’estero, ma anche in patria. Ad esempio, a maggio un paio di soldati sono stati sorpresi a bere bevande alcoliche alla base dell’Aeronautica militare Francis E. Warren nel Wyoming. E in questa base si costudiscono non cose da poco, ma testate nucleari. I militari, infatti, si occupano della manutenzione tecnica dei missili balistici intercontinentali Minuteman 3.

Stazione anti-missile USA Aegis Ashore
© Foto : U.S. Army Corps of Engineers Europe District
Dall’inizio dell’anno è già il secondo incidente in questa base legato all’abuso da parte dei militari di sostanze vietate. A maggio 2018 le autorità hanno scoperto nella base un’intera rete di narcotrafficanti. Più di una dozzina di militari incaricati, tra l’altro, di sorvegliare i missili nucleari, facevano uso di LSD, cocaina, ecstasy e marijuana e le spacciavano. Stando alle informazioni diffuse dall’Aeronautica militare USA, uno dei militari della base Francis E. Warren ha pubblicato su Facebook una fotografia che raffigurava se stesso con alcuni commilitoni. Le indagini sono finite al tribunale militare che ha preso provvedimenti disciplinari.

E a gennaio 2013 di alcolismo ha sofferto anche Michael Carry, il generale al comando delle forze missilistiche nucleari. Carry è stato licenziato per “mancata fiducia” dopo una visita in Russia in occasione di addestramenti congiunti. Come hanno osservato i media americani, il generale avrebbe bevuto per tutto il viaggio a tal punto che non si reggeva in piedi senza essere aiutato. Nella primavera di quell’anno per alcolismo e promiscuità sessuale è stato mandato in pensione il generale maggiore del commando africano delle Forze armate USA Ralph Baker.

A ottobre 2018 è stato privato della sua carica il colonnello del corpo di Fanteria di marina James Schnelle che era a capo del contingente militare USA in Australia. Come hanno appurato i giornalisti, il 30 settembre il colonnello ha passato la notte in un bar per spogliarelliste della cittadina di Darwin, dove ha bevuto molto. Dopodiché si è messo al volante, ma non è andato lontano: è finito tra le braccia della polizia locale.

Guai per gli alleati

Da tempo ormai le imprese ebbre dei soldati americani sono celeberrime tra i Paesi della NATO. Nella notte del 20 giugno 2017 una pattuglia della polizia militare nel centro di Vilnius ha fermato un ufficiale dell’esercito USA che stava orinando direttamente su una parete esterna del Ministero degli Affari Interni della Repubblica Lituana. Ad aprile 2016 a Kaunas due soldati americani hanno strappato la bandiera lituana dall’edificio della Procura. Stando ai media lituani, alla polizia è stato ordinato di non commentare l’incidente e di non riportarlo nei registri ufficiali.

Ad aprile 2019 sette soldati americani sono stati fermati in Romania per una rissa con i buttafuori di un locale notturno. I militari avevano tentato di lasciare il locale senza pagare il conto e questo ha generato la lite. I poliziotti arrivati sul posto hanno tentato di invitare alla calma i militari ubriachi, ma questi ultimi hanno esercitato una feroce resistenza. Dunque, gli americani sono stati portati in centrale. Cinque di loro sono stati sanzionati per violazione dell’ordine pubblico. Come è stato appurato in seguito, tre dei partecipanti alla rissa con i buttafuori detenevano titoli da ufficiale.

Correlati:

Aviazione americana segnala intercettazione aerei militari russi vicino l'Alaska
Militari americani confermano per la prima volta lo studio degli UFO
Ex militari americani chiedono a Trump di non iniziare una guerra contro l'Iran
Media: a fuoco un camion dei militari americani in Polonia
Tags:
alcol, alcolismo, NATO, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik