16:34 14 Dicembre 2019
Il ministro degli Esteri Heiko Maas in una conferenza stampa del 18 luglio 2019 in occasione del Forum Russo Tedesco di San Pietroburgo

La Germania non farà parte della missione Usa nello stretto di Hormuz

© Sputnik . Alexander Schtscherbak
Mondo
URL abbreviato
Alta tensione tra Iran, Regno Unito e USA dopo serie di sequestri di petroliere (30)
3182
Seguici su

Il ministro degli tedesco Esteri Heiko Maas ha affermato che la Germania non parteciperà all’operazione degli Stati Uniti nello stretto di Hormuz.

“La Germania non prenderà parte alla missione marittima presentata e preparata dagli Stati Uniti. Siamo in stretta collaborazione con i nostri partner francesi”, ha dichiarato Maas nel corso di una conferenza stampa dopo l’incontro con il suo omologo polacco Jacek Czaputowicz.

"In una situazione grave come questa dobbiamo evitare un'ulteriore escalation nello stretto di Hormuz. La strategia della massima pressione è una scelta sbagliata. Non vogliamo una soluzione militare e punteremo sulla diplomazia”, ha aggiunto Maas.

Sabato scorso il ministro degli Esteri tedesco aveva già dichiarato che la strategia americana di "massima pressione" contro l'Iran è uno scenario inaccettabile per il coinvolgimento di Berlino nella regione.

"Il nostro coinvolgimento locale deve avere un volto europeo. Non partecipiamo alla strategia americana di massima pressione", aveva detto Maas in un'intervista al media tedesco Funke.

In precedenza, il Dipartimento di Stato degli Usa aveva annunciato che Washington stava creando una coalizione per garantire la libertà di navigazione nella zona del Golfo Persico. Il Segretario di Stato Mike Pompeo ha proposto di coinvolgere gli stati di diverse regioni per comporre la coalizione.

Il 23 luglio è stato riportato che Italia, Francia, Danimarca hanno sostenuto l'idea proposta dalla Gran Bretagna di organizzare una missione di pattugliamento per assicurare la libertà di navigazione nello stretto di Hormuz.

Le tensioni tra Iran e Regno Unito

Il 4 luglio la petroliera iraniana Grace 1 è stata sequestrata dalla marina militare britannica nello Stretto di Gibilterra. Secondo le autorità britanniche, la nave stava trasportando 300.000 tonnellate di greggio in Siria, violando le sanzioni europee contro il paese. In seguito alla vicenda Mohsen Rezai, uno dei leader dei Pasdaran, ha promesso di sequestrare una petroliera britannica.

Il 19 luglio nello Stretto di Hormuz il Corpo della Guardia Rivoluzionaria Islamica dell'Iran ha sequestrato la petroliera britannica Stena Impero per aver infranto le "regole marittime internazionali". Poco dopo si è verificato il sequestro di una seconda nave, petroliera Mesdar di proprietà britannica e battente bandiera della Liberia.

L'annuncio del sequestro delle due petroliere è stato annunciato dal segretario di stato per gli Affari esteri del Regno Unito Jeremy Hunt. Il proprietario della Mesdar ha poi spiegato era stato temporaneamente imbarcato del personale armato, ma che è stato dato il via libera e che tutto l'equipaggio era "al sicuro e stava bene".

Tema:
Alta tensione tra Iran, Regno Unito e USA dopo serie di sequestri di petroliere (30)

Correlati:

Pubblicato il video della nave GB sequestrata in stretto di Hormuz
Perché gli USA vogliono una coalizione nello Stretto di Hormuz?
Petroliera algerina costretta da iraniani a cambiare rotta nello Stretto di Hormuz
Tags:
USA, Germania
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik