00:13 09 Dicembre 2019

Comandante fregata britannica: nello stretto di Hormuz 85 interazioni con forze iraniane in un mese

© AFP 2019 / HO/MOD
Mondo
URL abbreviato
3417
Seguici su

L’Iran nello stretto di Hormuz sta “testando il grado di preparazione al combattimento della Marina reale britannica”, ha affermato il comandante della nave da guerra britannica HMS Montrose.

“Sembra che l’Iran trascorra la maggior parte del tempo a testare la nostra determinazione, controllare le nostre reazioni”, ha detto il comandante della fregata che scorta le navi britanniche attraverso lo stretto di Hormuz, William King, in un'intervista alla BBC.

A quanto si apprende dalle sue dichiarazioni, nei 27 giorni di pattugliamento operato dalla fregata britannica HMS Montrose ci sono stati 85 casi di interazione con le forze iraniane, spesso risultanti in avvertimenti scambiati tra le due parti tramite il canale di collegamento radio.

“Tra le alltre cose le loro barche navigavano di fronte a noi ad alta velocità, mettendo alla prova il nostro grado di preparazione al combattimento”, ha detto il comandante.

King ha sottolineato che la fregata svolge le sue attività nelle acque internazionali nel rispetto del diritto. Inoltre il comandante ha fatto notare che con gli iraniani mantengono i contatti “a livello professionale”.

Il 29 luglio il cacciatorpediniere britannico HMS Duncan è stato inviato nel Golfo Persico per scortare le navi battenti bandiera inglese a causa delle tensioni con l'Iran nella regione. La fregata HMS Montrose dovrebbe essere sottoposta a manutenzione nel Bahrai a fine agosto e sarà sostituita un’altra nave, la HMS Kent, entro la fine dell’anno.

Le tensioni tra Iran e Regno Unito

Il 4 luglio la petroliera iraniana Grace 1 è stata sequestrata dalla marina militare britannica nello Stretto di Gibilterra. Secondo le autorità britanniche, la nave stava trasportando 300.000 tonnellate di greggio in Siria, violando le sanzioni europee contro il paese. In seguito alla vicenda Mohsen Rezai, uno dei leader dei Pasdaran, ha promesso di sequestrare una petroliera britannica.

Il 19 luglio nello Stretto di Hormuz il Corpo della Guardia Rivoluzionaria Islamica dell'Iran ha sequestrato la petroliera britannica Stena Impero per aver infranto le "regole marittime internazionali". Poco dopo si è verificato il sequestro di una seconda nave, petroliera Mesdar di proprietà britannica e battente bandiera della Liberia.

L'annuncio del sequestro delle due petroliere è stato annunciato dal segretario di stato per gli Affari esteri del Regno Unito Jeremy Hunt. Il proprietario della Mesdar ha poi spiegato era stato temporaneamente imbarcato del personale armato, ma che è stato dato il via libera e che tutto l'equipaggio era "al sicuro e stava bene".

Correlati:

Trump: "l'Iran non ha mai vinto una guerra, ma non ha mai perso una negoziazione"
Iran afferma che una missione navale europea nel Golfo sarebbe "provocatoria"
Forze straniere in Golfo grave fonte di tensione - Presidente iraniano
Tags:
Petrolio, Gran Bretagna, Iran
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik