Widgets Magazine
05:16 24 Agosto 2019

Il vino rosso cura i problemi psichici

CC0 / Pixabay
Mondo
URL abbreviato
4100

Una sostanza contenuta nel vino rosso può essere utile nella lotta contro i disturbi della psiche. Per scoprirlo i ricercatori hanno svolto studi sui topi depressi.

Il resveratrolo è un antiossidante naturale contenuto nella buccia dell’uva. Come spiega l'articolo pubblicato su Neuropharmacology, gli esperti americani dell’Università di Buffalo hanno condotto un esperimento con l’utilizzo di topi sottoponendoli per lungo tempo a condizioni di stress e provocando così l’attivazione di una produzione eccessiva dell’ormone corticosterone nel loro organismo.

Per questo motivo nel loro cervello si accumulava il fermento PDE4, che porta a depressione e stato d’ansia. I roditori depressi mostravano tutti i sintomi comportamentali relativi a queste condizioni.

Gli studiosi hanno poi aggiunto nel mangime il resveratrolo. La sostanza ha causato una riduzione del fermento PDE4, portando a un miglioramento delle condizioni psichiche dei topi, mentre il livello di depressione e ansia diminuiva notevolmente.

Gli autori della ricerca suppongono che il resveratrolo può essere un’alternativa efficace ai preparati chimici per curare la depressione e i disturbi dell’ansia, può agire come antidepressivo e aiutare i pazienti sui quali non hanno effetto i farmaci comuni.

Quelli elencati non sono i soli benefici del vino rosso: recenti studi dimostrano che il vino rosso può essere utile agli astronauti, facilitando il loro adattamento nello spazio, e anche alle persone anziane, mantenendo giovani le loro capacità cognitive.

Correlati:

Il distillatore pazzo: crea un superalcolico con il vino sputato... ed è un successo!
Il vino rosso può facilitare l'adattamento allo spazio
Scienziati svelano i vantaggi del vino rosso per le missioni su Marte
Tags:
Ricerca scientifica, Ricerca, Medicina, Salute, vino
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik