Widgets Magazine
18:00 23 Agosto 2019

Ora l’Intelligenza Artificiale combatte il cancro e diagnostica il diabete

© Depositphotos / Ginasanders
Mondo
URL abbreviato
0 01

IBM elabora nuovi approcci alla medicina basati sull’intelligenza artificiale: tre nuovi algoritmi per la lotta contro il cancro sono ora pubblicamente accessibili.

Ogni ricercatore potrà avere accesso agli algoritmi innovativi grazie ai quali sarà possibile approfondire gli studi sul cancro e trovare dei nuovi strumenti di cura in modo molto veloce.

ZDNet spiega che si tratta di tre strumenti con funzioni distinte. Il primo, PaccMann, utilizza il machine learning per semplificare la creazione di nuovi farmaci. L’algoritmo valuta numerosi candidati-composti chimici e prevede quali potranno diventare efficaci medicine contro il cancro. PaccMann è anche in grado di scartare subito i composti non efficaci, riducendo in questo modo le spese per i test.

Gli altri due algoritmi sono INTERAcT, che analizza le riviste mediche cercando novità rilevanti, e PIMKL, che seleziona cure individuali per ogni paziente.

IMB spera che un accesso libero a questi strumenti potrà contribuire allo sviluppo delle scienze mediche e all’elaborazione di farmaci contro il cancro.

Gli algoritmi IBM aiutano non solo nella lotta contro il cancro, ma anche contro altre gravi malattie. Ad esempio l’azienda ha recentemente creato un algoritmo in grado di diagnosticare il diabete.

L’algoritmo analizza il sangue cercando il particolare anticorpo indice della presenza del diabete del primo tipo e può anche prevedere il corso della malattia.

Come spiega Engadge, per creare questo innovativo strumento, IBM ha utilizzato i dati relativi a 22000 persone in USA, Svezia e Finlandia. Il programma è riuscito a individuare il legame tra le caratteristiche del sangue e la presenza o assenza del diabete, come pure i tempi di sviluppo della malattia.

Qualche scettico è allarmato dalle possibili preoccupazioni che dovranno affrontare i pazienti in caso di diagnosi errata. Ma gli ideatori ritengono che l’algoritmo abbia un grande potenziale per diagnosticare e selezionare terapie personalizzate per la cura del diabete del primo tipo.

Correlati:

5 sintomi del diabete che non tutti conoscono
Un gruppo sanguigno “fortunato” è meno vulnerabile al cancro
Indicato un nuovo pericolo di diabete per le donne
Tags:
Medicina, Salute
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik