06:56 13 Dicembre 2019

Esperto turco: gli S-400 aiuteranno la Turchia a evitare "l'occupazione della NATO"

© Sputnik . Vitaliy Ankov
Mondo
URL abbreviato
3140
Seguici su

I tentativi di effettuare un colpo di stato in Turchia sono stati condotti nell'ambito delle "direttive della NATO", ha detto l'analista turco Lütfü Ozshahin.

La Turchia ha mostrato una tale perseveranza nella questione dell'acquisto dei complessi russi S-400, perché si sta preparando ad opporsi al "potenziale piano di occupazione" da parte della NATO, ha affermato Lutfü Ozshahin, esperto di filosofia politica. Secondo l'analista, l'Alleanza del Nord Atlantico è una vera "minaccia per la Turchia", secondo Haber7.

"Contro chi abbiamo comprato gli S-400?", ha chiesto Ozshahin.

“Se la Russia occuperà la Turchia, allora perché dovrebbe venderci gli S-400? L'unica forza in grado di occupare la Turchia dall'aria sono gli Stati Uniti. Quindi la NATO ha un piano per occupare la Turchia", ha detto l'esperto sul programma "Pulse of Turkey "su Habertürk TV.

A suo avviso, le forze dell'Alleanza del Nord Atlantico si stanno preparando a farlo dall'aria e, a tal fine, hanno effettuato manovre speciali di addestramento.

Non esiste una NATO che protegga la Turchia. C'è la NATO che tiene al guinzaglio, controlla e, se necessario, organizza colpi di stato", ha sottolineato Ozshahin.

L'esperto ha anche espresso la certezza che è l'Alleanza del Nord Atlantico a sostenere ogni tentativo di colpo di stato preparato contro la Turchia, scrive Haber7. “La NATO ha la struttura Gladio. I colpi di stato non si verificano senza una direttiva appropriata. Erano dietro tutti i colpi di stato in Turchia", ha detto Ozshahin.

Nel frattempo, nell'estate del 2002, si sono svolte esercitazioni giganti chiamate Millennium Challenge 2002 nello stato americano del Nevada, a cui hanno preso parte 13.500 truppe, ricorda Haber7. Molti paesi membri della NATO sono stati coinvolti in queste manovre su larga scala, ma la Turchia non è stata invitata, dice l'articolo.

A suo tempo il personale del colonnello Mustafa Onsel ha parlato degli scenari di questi esercizi.

“Il nemico condizionale è un paese situato in due continenti. A questo proposito, controlla alcune rotte marittime. Questo paese target ha problemi con un singolo stato insulare nel Mediterraneo. Inoltre, le minoranze nazionali vivono in questo paese”, ha descritto Onsel in un articolo per Odatv.

Secondo lo scenario della NATO, tutto è iniziato con "un terremoto estremamente distruttivo" sul territorio del nemico condizionato, allo stesso tempo con il quale il tribunale internazionale "prende una decisione non nell'interesse di questo paese in merito ai suoi confini territoriali" In questo momento, le forze internazionali stanno facendo a un avversario condizionale una proposta per "entrare in conflitto con uno stato insulare", con il quale ha anche problemi, e la leadership politica del paese, trovandosi in una situazione difficile, è costretta ad "accettare questa proposta", spiega l'articolo.

Dopodiché, i militari "conquistano il potere" nel paese e creano un regime autoritario, quindi stabiliscono un "blocco" dello stato insulare.

"In risposta, i militari americani invadono il territorio del nemico condizionale entro 96 ore", il colonnello del personale turco ha rivelato tali dettagli del piano reale degli esercizi NATO che sono stati inviati, secondo alcuni esperti, all'"occupazione della Turchia", conclude Haber7.

Correlati:

“La più grande crisi nella Nato”: esperti al Times sugli S-400 russi in Turchia
S-400, Turchia potrebbe produrre i componenti dei lanciamissili russi
Turchia compra gli S-400 non solo per abbattere missili - Türkiye
Tags:
NATO, Sistema antiaereo S-400, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik