16:12 14 Dicembre 2019

Caldo, 5 morti in Francia

© Sputnik . Julien Mattia
Mondo
URL abbreviato
103
Seguici su

Le autorità francesi stanno indagando su cinque morti e qualche centinaio di emergenze che sarebbero causate dal caldo nel Paese, riporta il canale televisivo BFMTV.

A quanto si apprende dalle autorità francesi, 5 vittime27 cittadini in condizioni gravi e 371 persone assistite dai medici con relativa urgenza ma non in pericolo di vita potrebbero essere causati dalle alte temperature. A questo punto l’obiettivo dell’indagine è identificare le cause degli avvenimenti e confermare le ipotesi.

In precedenza è stato riportato, in riferimento al servizio meteorologico Météo France, che martedì in 80 dipartimenti della Francia continentale a causa del caldo estremo è stato annunciato il livello di allarme arancione dovuto alle condizioni meteorologiche avverse.

Le masse d’aria calda e secca della penisola iberica hanno portato il caldo in Francia questa settimana. Météo France prevede che il giorno più caldo della settimana sarà giovedì, quando i termometri a Parigi possono salire fino a 42 gradi. Sono tornati gli avvisi in radio e tv che suggeriscono ai cittadini di idratarsi e rimanere all’ombra.

Il picco delle temperature è stato registrato in Francia alla fine del mese scorso. In alcuni comuni l’allerta è stata elevata a rossa. Sono stati rinviati gli esami scolastici. Il 28 giugno scorso nella cittadina di Carpentras, nel sud della Francia, è stato battuto il record di caldo nel Paese quando il termometro ha toccato i 44,3 gradi.

La morsa del caldo torrido interessa anche l’Italia. Tra oggi e domani l’ondata di caldo toccherà il suo apice. Come spiega il portale Meteo.it, temperature massime quasi dappertutto oltrepasseranno i 30 gradi, facendo registrare anche picchi di 39-40 gradi.

Correlati:

Francia, esami scolastici posticipati a causa del forte caldo
Il caldo infernale ucciderà migliaia di persone in Europa
Cambiamenti climatici, caldo record in Alaska
Tags:
caldo, Italia, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik