16:34 14 Dicembre 2019
Il presidente della Bulgaria Ramen Radev

F-16 alla Bulgaria: presidente pone veto

© Sputnik . Alexey Vitvitsky
Mondo
URL abbreviato
2180
Seguici su

Il presidente bulgaro Rumen Radev ha posto il veto sulla ratificazione degli accordi per l’acquisto dei caccia americani F-16 e dei relativi armamenti e attrezzature.

Lo ha comunicato la radio nazionale bulgara, citando l’ufficio stampa del presidente. Il capo dello stato ha affermato che le discussioni provocate dal voto tenutosi in Parlamento (Assemblea nazionale) la settimana scorsa hanno dimostrato che sull’acquisto degli F-16 non si è ancora raggiunto un accordo a livello nazionale.

“Legarsi a degli impegni (tra l’altro per diversi anni a venire) senza un accordo nazionale e senza la convinzione che le condizioni del contratto siano accettabili per entrambe la parti è motivo di grande inquietudine”, ha detto Rumen Radev.

In precedenza il presidente aveva più volte espresso la preoccupazione che i tentativi del Governo di ottenere un prezzo ammissibile avrebbe portato a una notevole riduzione delle capacità di combattimento dell’aereo. Secondo Radev rinunciare anche solo a una parte insignificante del pacchetto può voler dire che il caccia potrebbe anche non essere in grado di decollare.

“Se non ci sarà anche una piccola parte di questo pacchetto necessario, le capacità dell’aereo si ridurranno significativamente e il caccia potrebbe addirittura non decollare”, ha detto il presidente bulgaro la settimana scorsa dopo il voto in Parlamento.

Infatti il giornale bulgaro Epicenter aveva pubblicato una fotografia del protocollo relativo alle trattative tra Bulgaria e USA avvenute a maggio, nel quale la parte bulgara rinunciava completamente al sistema “aria-terra” e riduceva il numero dei piloti che saranno addestrati all’utilizzo degli F-16. Il primo segretario del presidente, Dimitr Stojanov, ha commentato dicendo che la Bulgaria in questo modo avrebbe portato al livello dell’aviazione dell’inizio del XX secolo le dotazioni di un aereo moderno di qualità eccezionale.

Con il voto della settimana scorsa il Parlamento ha approvato l’acquisto di otto caccia F-16, il cui prezzo totale ammonta a 1,256 miliardi di dollari. Gli aerei dovranno essere consegnati entro il 2023.

Venerdì in Parlamento si terrà il secondo turno del voto sugli F-16. Il presidente della Commissione parlamentare per la difesa, il deputato Konstantin Popov, esponente del partito al potere (Cittadini per lo Sviluppo Europeo della Bulgaria), ha espresso la convinzione che l’Assemblea nazionale supererà con facilità il veto del presidente.

“Sono sicuro che i rappresentanti daranno prova di saggezza. Discutiamone, parliamone in sostanza, ma alla fine è necessario votare a favore del futuro delle forze aeree militari, dell’esercito, a favore della sicurezza del nostro paese e della nostra autorità”, ha dichiarato Popov.

In Bulgaria l'opposizione critica attivamente l'acquisto dei caccia: a giugno Rumen Petkov, presidente del partito Alternativa per la Rinascita Bulgara, ha definito gli F-16 “costosissimi aspirapolveri”, mentre Tasko Ermenkov, deputato del maggiore partito d'opposizione bulgaro, il partito Socialista, li ha paragonati a delle "Lamborghini pazze".

Il vicepresidente dell'Assemblea nazionale bulgara e leader del partito nazionalista Volya, Veselin Mareshka, in un’intervista a bTV, ha affermato che il governo dovrebbe elevare il tenore di vita della popolazione, prima di spendere i soldi dei contribuenti per comprare i caccia F-16.

Correlati:

Bulgaria spende per F-16 i miliardi che poteva guadagnare con South Stream – opposizione
Cerca soldi per gli F-16 e trova redditi di milioni di persone, hacker beffa la Bulgaria
Si del governo bulgaro agli F-16, ma i socialisti protestano "sono come una Lamborghini pazza"
Tags:
USA, Dichiarazioni del premier di Bulgaria, Bulgaria, F-16
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik