Widgets Magazine
00:36 18 Agosto 2019

Esperienza militare cinese richiesta in Oriente e Occidente

© AP Photo / Pang Xinglei/Xinhua
Mondo
URL abbreviato
171

L’India è interessata a instaurare contatti con la Marina militare cinese. Di questo ha parlato l’ambasciatore indiano in Cina Vikram Misri.

Long Xichun, direttore del centro di studi indiani presso l’Università pedagogica della Cina, ritiene che tale cooperazione potrebbe togliere alla Cina la preoccupazione circa il fatto che la Marina militare indiana si addestra con quelle statunitense e giapponese.

L’ambasciatore indiano ha invitato le Marine militari dei due Paesi a comunicare così come fanno le truppe di terra. Ha osservato un graduale progresso nello sviluppo delle relazioni militari. In particolare, sono stati aperti nuovi punti di controllo al confine dove i frontalieri possono incontrarsi e scambiarsi opinioni e informazioni riguardo a qualsiasi caso concreto. Secondo lui, anche le Marine militari cinese e indiana dovrebbero stabilire legami perché operano sempre più spesso in estrema prossimità l’una dall’altra e nei prossimi anni si incontreranno sempre di più nelle acque comuni. Il diplomatico ritiene che per le parti sia importante sviluppare un certo grado di comprensione reciproca e di dialogo.

Di recente l’ambasciatore ha visitato il consolato indiano a Hong Kong. Ha inoltre comunicato che le parti stanno organizzando la visita in India del presidente cinese Xi Jinping che si terrà probabilmente nell’ultimo trimestre di quest’anno.

L’esperto, dal canto suo, ritiene che i contatti ad alto livello creeranno le condizioni necessarie perché possano prosperare gli scambi a livello militare:

“Dopo l’incontro informale dei leader dei due Paesi l’anno scorso a Wuhan, i rapporti sino-indiani sono sensibilmente migliorati. Si sono fatti più stabili e rivolti al futuro. Quest’anno la Marina militare cinese ha condotto una parata militare a Tsingtao in onore del settantesimo anniversario dell’EPL. Mentre gli USA hanno boicottato quest’evento, l’India ha inviato navi militari perché partecipassero allo spettacolo. Questo è stato un vero e proprio gesto di amicizia nei confronti della Cina.

La Cina e l’India hanno molti interessi comuni a livello di cooperazione di Marina. In passato, quando la Cina ancora non inviava imbarcazioni militari nell’Oceano indiano come scorta, la Marina militare indiana svolgeva un ruolo importante nella difesa delle navi commerciali cinesi. La tradizione diplomatica indiana si basa sull’indipendenza di strategia e sull’equilibrio fra grandi nazioni. L’India negli ultimi anni sta sviluppando una collaborazione militare con USA e Giappone. Gli addestramenti militari Malabar si tengono già da alcuni anni. La strategia indiana potrebbe suscitare le preoccupazioni della Cina circa i suoi rapporti con USA e Giappone, ma lo sviluppo della cooperazione tra Cina e India sul mare contribuirebbe a eliminare simili preoccupazioni. La Cina e l’India di fatto non hanno controversie sul mare, per questo potrebbero davvero costruire relazioni positive tra le due Marine. La flotta commerciale cinese è la maggiore flotta a solcare l’Oceano indiano. In caso di pericolo la Marina militare indiana potrebbe prestare aiuto. A sua volta, se le imbarcazioni commerciali indiane dovessero affrontare un pericolo, la polizia marittima cinese potrebbe aiutarle. Dunque, vi sono molte possibilità per la cooperazione tra Cina e India”.

L’India è coinvolta nella strategia statunitense per l’Indo-Pacifico (Indo-Pacific Strategy). La partecipazione della Marina militare indiana agli addestramenti congiunti con USA, Giappone e Australia è considerata dagli osservatori parte dell’implementazione di questo progetto statunitense. La strategia si basa sul contenimento della Cina, sul contrasto alla sua crescente influenza nella regione con l’ausilio dei Paesi vicini, come l’India. L’invito dell’ambasciatore indiano all’instaurazione di contatti con la Marina militare cinese è una scommessa sulla diversificazione della politica marittima, un tentativo di trovare un nuovo punto di equilibrio tra Cina e USA. Lo sviluppo dei rapporti tra le Marine e il conseguente rafforzamento della fiducia nel settore militare potrebbero ostacolare in maniera significativa i progetti statunitensi di manipolare l’India nell’ambito della loro strategia anticinese.

È ovvio che la proposta dell’ambasciatore indiano riflette già di per sé il grado di maggiore fiducia riservata dal Paese alla Cina, nonché riconosce il suo contributo nel garantire la stabilità nella regione. Della fiducia riposta nella Cina in qualità di partner affidabile e di egual livello è riprova anche l’invito di circa 100 medici dell’EPL presso la base militare di addestramento a Feldkirchen, nella Germania meridionale, per degli addestramenti militari congiunti con i medici tedeschi.

Gli addestramenti dureranno due settimane, fino al 17 luglio. Si tratta dei primi addestramenti congiunti in ambito medico-militare a cui partecipano delle divisioni dell’EPL e rappresentanti delle Forze armate del più grande Paese membro della NATO in Europa. Oltre ai medici l’EPL ha anche inviato agli addestramenti un intero set di attrezzatura da campo, nonché ambulanze blindate. È il primo caso di trasferimento di mezzi blindati militari cinesi in Europa. Gli addestramenti prevedono l’inscenamento di focolai di colera nel campo profughi e l’esplosione di una bomba su un mezzo di trasporto dell’ONU. Secondo la traccia, entrambi gli scenari provocano gravi vittime, ma i medici e soldati ausiliari cinesi e tedeschi presenti sul campo conducono in maniera congiunta le operazioni di salvataggio.

Wang Yiwei, esperto dell’Istituto per le relazioni internazionali presso l’Università popolare cinese, ritiene che questi addestramenti possano diventare un modello di cooperazione tra la Cina e i partner europei nella lotta contro minacce non convenzionali alla sicurezza:

“Questi addestramenti sono molto importanti. Sebbene siano addestramenti congiunti a cui partecipano solamente medici militari, dimostrano che la Cina e la Germania (nonché la Cina e l’Europa nel suo complesso) abbiano ampio margine di collaborazione nel settore della sicurezza. Oggi la cooperazione militare non si limita strettamente alle operazioni militari. È una risposta comune a molte minacce non convenzionali alla sicurezza, il che è in linea con gli interessi della comunità internazionale. Oggi la situazione della sicurezza in Europa è sempre più complessa. Le nazioni europee non si vogliono più affidare solo a NATO e USA. Per questo, la cancelliera tedesca Angela Merkel ha più volte sottolineato che il destino della sicurezza è nelle mani del Paese.

La Cina ha una grande esperienza nella lotta contro la febbre dell’Ebola, dispone anche delle attrezzature mediche per curarla. Oggi la Germania ha bisogno di collaborare strettamente con la Cina e per la Cina è importante andare all’estero per accumulare ulteriore esperienza. È importante incrementare il grado di fiducia reciproca delle relazioni politiche e strategiche tra Cina e Germania, tra Cina ed Europa, nonché rafforzare gli scambi a livello militare. Spero che continueranno ad estendersi e non si limiteranno solamente all’ambito umanitario”.

Gli esperti militari cinesi, fra cui anche i medici, svolgono un ruolo sempre maggiore negli sforzi internazionali volti al mantenimento della pace. E questa potrebbe essere un’ulteriore spiegazione del fatto che una nazione della NATO organizzi addestramenti congiunti con la Cina. L’attuale sviluppo in direzione tedesca, ovviamente, contribuirà a superare il pregiudizio nei confronti della Cina e servirà da esempio agli altri Paesi dell’Alleanza atlantica.

Correlati:

Cina lancia razzo spaziale da piattaforma sul mare (VIDEO)
La Cina non intende trattare con Mosca e Washington sul nucleare
Sanzioni USA contro Iran e Cina: solo questione di nucleare?
La Cina lancia con successo missile intercontinentale di nuova generazione
Tags:
Armi, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik