Widgets Magazine
01:01 18 Agosto 2019

YJC: Petroliera sequestrata dai Pasdaran batte la bandiera britannica

© AFP 2019 / Fabrice Coffrini
Mondo
URL abbreviato
8300

La petroliera che trasportava il carburante di contrabbando fermata e sequastrata dalle Guardie rivoluzionarie iraniane nel Golfo Persico sarebbe britannica. Lo riporta l’agenzia YJC.

Oggi pomeriggio i Pasdaran iraniani hanno confermato di aver sequestrato una petroliera straniera per il contrabbando avvenuto domenica scorsa. Tuttavia, non è stato specificato il nome della nave, né la sua affiliazione, né la nazionalità dell'equipaggio.

“La nave cisterna fermata dai Pasdaran navigava nello stretto di Hormuz battendo la bandiera della Gran Bretagna”, riferisce una fonte dell’Agenzia.

Secondo i dati della fonte, Usa e Gran Bretagna avevano intenzione di riconoscere la petroliera come emiratina ma gli Emirati Arabi Uniti hanno negato, siccome non volevano di suscitare le tensioni nei rapporti con l’Iran.

In precedenza secondo i media si trattava della petroliera emiratina Riah che navigava nello stretto di Hormuz sabato scorso e che da quel momento non risulta rintracciabile. Allo stesso tempo, il ministero degli Esteri iraniano ha riferito che l'esercito iraniano aveva rimorchiato la nave cisterna sul suo territorio a causa di alcuni guasti tecnici.

Il 4 luglio scorso la petroliera iraniana Grace 1 è stata sequestrata dalla marina militare britannica nello Stretto di Gibilterra. Secondo le autorità britanniche, la nave stava trasportando 300.000 tonnellate di greggio in Siria, violando le sanzioni europee contro la Siria. In seguito alla vicenda Mohsen Rezai, uno dei leader dei Pasdaran, ha promesso di sequestrare una petroliera britannica.

RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik