Widgets Magazine
07:18 26 Agosto 2019
Segno di allarme radiazioni

Il californio sequestrato in Turchia è arrivato da una potenza nucleare

CC BY 2.0 / Benjamin Deutsch / X-ray
Mondo
URL abbreviato
115

Il presidente dell'Associazione degli ingegneri nucleari turca, Erol Cubukcu, in un'intervista a Sputnik ha commentato la scoperta di 18 grammi di californio avvenuta durante un'operazione speciale nella provincia di Bolu.

Commentando la questione di come questo elemento sia finito in Turchia e per quali scopi possa essere usato, Cubukcu ha detto:

"Questa sostanza è sintetica, cioè non è contenuta in natura nella sua forma pura. Quindi, il californio deve essere prodotto da un reattore o un acceleratore di particelle atomiche in un paese con tecnologia nucleare. Questo elemento non è prodotto in Turchia e probabilmente è arrivato nel territorio del paese da una potenza nucleare".

Parlando della portata di questo elemento, l'esperto ha sottolineato:

"Senza conoscere l'isotopo del californio, è difficile dire esattamente a quali scopi possa essere usato. Di solito viene impiegato in studi di laboratorio con un processo di radiazione come fonte di neutroni, così come nei reattori. In alcune notizie si menziona il suo utilizzo per fare una bomba, ma con quella quantità di californio è impossibile fare una bomba. Ne servirebbero diversi chili".

Cubukcu ha sottolineato che questo elemento chimico deve essere registrato e tenuto sotto controllo dal momento che è tossico, e se accumulato in grandi quantità nel corpo può causare avvelenamento.

"Pertanto, la confisca del californio scoperto è l'unica decisione giusta", ha sottolineato.

Lo scorso 6 luglio la polizia turca ha sequestrato 18 grammi di californio, un materiale radioattivo impiegato nella fabbricazione di testate nucleari, nella provincia di Bolu, nella parte occidentale della Turchia.

Correlati:

Turchia, la polizia sequestra 18 grammi di materiale radiottivo
Tags:
Materiale radioattivo, esperto, Turchia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik