Widgets Magazine
19:36 22 Agosto 2019
Turiste coreane a Mosca

"Boicotta il Giappone", sempre più turisti sudcoreani scelgono la Russia

© Sputnik . Sergey Pyatakov
Mondo
URL abbreviato
1101

A Tokyo non hanno avuto il tempo di rallegrarsi per i problemi di Samsung e di altre società sudcoreane che Seul ha annunciato un boicottaggio turistico del Giappone.

I sudcoreani rappresentano quasi un quarto del flusso totale in entrata in Giappone. E se nel 2018 il Giappone è stato visitato da 7,5 milioni di sudcoreani, ora queste cifre si stanno sciogliendo davanti ai nostri occhi, costringendo i tour operator locali a stimare già le perdite.

Mentre i giganti industriali stanno negoziando con Cina, Taiwan e Russia per la fornitura di acido fluoridrico, i sudcoreani stanno già cercando posti alternativi per il turismo. Il prof. Shim Sang Jin, docente di gestione del turismo all'Università di Gyeonggi, ha raccontato a Sputnik quali possono essere le conseguenze per l'industria del turismo in Giappone e dove si riverseranno i turisti coreani.

"Se il boicottaggio dei tour in Giappone inizia a prendere slancio a causa dei disaccordi di politica estera tra Corea del Sud e Giappone su questioni storiche e di altro genere, e non a causa di disastri naturali, come nel caso dell'incidente di Fukushima, il deficit nel bilancio del turismo giapponese sarà ampio e a lungo termine", afferma il professor Sim.

In precedenza, quando in Giappone si verificarono disastri naturali, i sudcoreani, ha raccontato, raccolsero donazioni per le vittime, e in particolare viaggiarono di più in regioni non in pericolo, dimostrando compassione e cercando di dare forza e incoraggiare i giapponesi. Pertanto, la rinuncia al viaggio a causa di disastri naturali non viene praticamente osservata.

Tuttavia, se a causa di una percezione fondamentalmente diversa dei problemi del passato, l'umore dei cittadini comuni sarà radicalizzato e la paura di visitare il paese vicino verrà aggiunta a questo, è probabile che a medio e lungo termine i cittadini della Corea del Sud non si rechino in Giappone.

"Solo quest'anno, il numero di turisti sudcoreani, che, nonostante la stagnazione dell'economia, andranno all'estero, presumibilmente sarà di 30 milioni di persone (con una popolazione di 51,7 milioni di abitanti). I viaggi oltremare sono già diventati parte della vita di tutti i giorni e quindi 7,5 milioni di sudcoreani che hanno visitato il Giappone troveranno una direzione alternativa per i loro viaggi. E le probabilità sono molto alte che si orienteranno non solo verso le consuete Taiwan e Cina, ma anche verso Vladivostok e altre città dell'Estremo oriente russo, dove le visite sono cresciute di recente a un ritmo rapido", afferma il professor Sim.

Da quando sono stati liberalizzati i visti tra i due paesi nel 2014, i prezzi dei biglietti aerei per Vladivostok sono diminuiti di quasi un quarto. I turisti della Corea del Sud sono andati in massa nel capoluogo ed in altre parti della regione del Primorye, sfruttando così l'opportunità di visitare delle "città in stile europeo" a sole 2 ore da Seoul. Anche il basso tasso di cambio del rublo ha contribuito.

Se nel 2017 erano 100.335 i sudcoreani che visitavano il territorio di Primorye, l’anno successivo sono aumentati a 226.849 (più del 126%). Considerando che nel 2018 solo 20.995 giapponesi visitarono la stessa regione, in proporzione alla popolazione del loro paese, i sudcoreani scelsero la regione russa come destinazione turistica 26,5 volte più spesso.

Allo stesso tempo, secondo i dati recenti dell'Organizzazione statale giapponese per la promozione del turismo internazionale, nei primi 5 mesi del 2019, il Giappone è stato visitato dai sudcoreani il 5,8% in meno rispetto agli stessi mesi dello scorso anno. Ogni quinto viaggio prenotato dai turisti della Corea del Sud termina con la cancellazione e il numero di nuovi ordini per lo stesso periodo è diminuito di quasi il 30%.

"Anche se il 10% dei 7,53 milioni di sudcoreani che hanno visitato il Giappone l'anno scorso decidono di fare un viaggio turistico a Primorye, il numero di turisti sudcoreani in Russia potrebbe aumentare di oltre 3,3 volte. E anche se la crescita sarà del 5%, bloccherà tutti i 358.880 posti disponibili sui voli esistenti da Incheon a Vladivostok. Pertanto, dobbiamo preparare ora l'introduzione di ulteriori voli charter ", ha osservato l'esperto sudcoreano.

Correlati:

“Colpire il turismo”: USA vietano Cuba alle navi da crociera
Turismo, gli europei preferiscono viaggiare all’interno dell’UE
Turismo in Russia: le città più interessanti
Tags:
Turismo, Corea del Sud, Russia, Giappone
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik