Widgets Magazine
06:38 26 Agosto 2019
Bambini di Gorlovka ad Anapa

Dal Donbass alle spiagge della Russia. Una parentesi di pace per i bambini di Gorlovka

© Sputnik . Eliseo Bertolasi
Mondo
URL abbreviato
5160

La ONLUS “Aiutateci a salvare i bambini” di Ennio Bordato anche quest’anno, grazie al buon cuore degli italiani, è riuscita a organizzare un soggiorno al mare per i bambini del Donbass.

Provengono da Gorlovka, città situata nell’autoproclamatasi Repubblica Popolare di Donetsk. Un gruppo numeroso: 39 bambini, oltre ai coordinatori, che hanno potuto rilassarsi sulle spiagge della località balneare di Anapa in Russia e che, finalmente, hanno potuto assaporare una parentesi di pace e di tranquillità.

Purtroppo solo una “parentesi”, tra poco torneranno a casa. Sono bambini che vivono a ridosso della linea del fronte. La loro vita di tutti i giorni è una vita di paura, di privazioni, spesso di lunghe ore riparati negli scantinati delle loro case. Alcuni di loro sono orfani, altri sono stati feriti. Qualcuno addirittura con un’età inferiore ai 5 anni, è nato e sempre vissuto nella triste realtà della guerra, che da oltre cinque anni grava sulle loro vite.

Le parole di Ennio Bordato:

“Portare lontano dalla guerra i bambini. Questo è l’imperativo che, almeno durante le vacanze scolastiche, ci siamo posti sin dall’inizio del conflitto. Questo è necessario ai bambini, necessario come l’aria, come il cibo, come l’amore di una famiglia che spesso non può soddisfare i loro bisogni primari. Quest’anno è la quarta volta che riusciamo a organizzare questa iniziativa, ogni anni riusciamo a mandarne sempre di più. Questo, grazie ai molti italiani che ci stanno seguendo, aiutando e che ringrazio di cuore”.

La ONLUS “Aiutateci a salvare i bambini” è stata fondata nel 2001 con lo scopo di sostenere e rendere possibili le cure di bambini particolarmente bisognosi della Federazione Russa e aiuta direttamente i bambini e le vittime della guerra nel Donbass.

Tags:
Aiuti al Donbass, Donbass, Donbass, donbass, Donbass
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik