Widgets Magazine
12:01 22 Agosto 2019
L'intelligenza artificiale

Esperto: l’uomo si fonderà con la macchina prima di quanto ci aspettiamo

CC0
Mondo
URL abbreviato
219

L'ex capo del dipartimento AI dell'IBM, Manoi Saxena, si definisce "un pragmatico dell'intelligenza artificiale": non crede che solo le nuove tecnologie possano salvare o distruggere l'umanità. La questione più importante è come applicarle.

Manoi Saxena era una volta il capo della divisione di intelligenza artificiale di IBM, ed era dietro la creazione del supercomputer Watson. Oggi dirige due delle sue società e insegna l'etica dell'AI all'Università del Texas. Inoltre, è a capo dell'organizzazione non-profit AI Globe, che sostiene l'uso responsabile dell'intelligenza artificiale.

In un'intervista a Business Insider Saxena ha osservato che consideriamo erroneamente la minaccia posta dall'AI. Non si dovrebbe aver paura della rivolta delle macchine, come predice Elon Musk, ma della distribuzione onnipresente degli algoritmi.

A poco a poco, le persone inizieranno a usarli per prendere decisioni, dalla diagnosi delle malattie alla scelta di una compagnia aerea per i viaggi.

L'apparizione di questo invisibile "strato di intelletto" sarà la stessa rivoluzione della diffusione dell'elettricità. La tecnologia stessa è eticamente neutrale, dice Saxena, ma il suo uso scorretto può danneggiare le persone.

Il rafforzamento degli stereotipi

In particolare, gli errori nell'insegnamento delle reti neurali rafforzeranno gli stereotipi e i pregiudizi verso determinati gruppi della popolazione. Prima di tutto, riguarda le minoranze, ad esempio, donne e neri. Tuttavia, anche gli strati più vasti della popolazione potrebbero sentirsi svantaggiati: in questo caso, la situazione provocherà disordini civili e l'ascesa al potere dei politici populisti.

Indipendentemente dal fatto che l'intelligenza artificiale migliori le nostre vite o le peggiori, influenzerà enormemente l'evoluzione umana, osserva Saxena.

L'Homo sapiens gradualmente lascerà il posto all'Homo digitalis - un nuovo tipo, che nascerà come risultato della fusione della mente con l'intelligenza artificiale.

Questo può accadere prima di quanto ci aspettassimo. I primi passi sono già stati fatti: oggi la gente porta costantemente con sé gli smartphone e usa sensori per monitorare la salute.

Anche il filosofo francese Bernard Stiegler vede una potenziale minaccia nella diffusione degli algoritmi. Secondo lui, l'uso di nuove tecnologie rende le persone più stupide. Inoltre, il pensatore è scettico sulle idee della singolarità tecnologica e del transumanesimo - per lui non sono altro che slogan pubblicitari degli imprenditori della Silicon Valley.

Correlati:

L’Intelligenza Artificiale tra un paio d’anni ci seppellirà sotto una valanga di disinformazione
Intelligenza artificiale: il punto forte dei caccia del futuro
Intelligenza artificiale comincia a comprendere le lingue meglio dell'uomo
Tags:
intelligenza artificiale
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik