Widgets Magazine
06:54 26 Agosto 2019
Facebook

Facebook dovrà pagare $5 miliardi per violazioni della privacy - WSJ

© Sputnik . Natalia Seliverstova
Mondo
URL abbreviato
150

Il pagamento da parte della società è associato a violazioni nel trattamento dei dati personali degli utenti.

La Federal Trade Commission (FTC) degli Stati Uniti ha approvato un accordo con la società americana Facebook che prevede il pagamento di $5 miliardi da parte della società per delle violazioni nel trattamento delle informazioni personali degli utenti. Lo ha riferito venerdì la versione elettronica del quotidiano The Wall Street Journal.

Secondo le fonti, l'accordo è stato sostenuto questa settimana da tre membri su cinque della commissione. Nel marzo 2018, l’FTC ha avviato un'indagine su Facebook, che possiede l'omonimo social network. Lo scopo del procedimento era accertare se la società avesse violato i suoi obblighi di proteggere e archiviare i dati personali.

I materiali relativi all'accordo saranno ulteriormente sottoposti al dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti. Non è stato specificato quando il dipartimento prenderà la decisione. Come nota il quotidiano, l'accordo specifica le nuove disposizioni delle autorità statunitensi in merito alla memorizzazione dei dati personali degli utenti.

L'indagine FTC su Facebook è stata lanciata alla luce di uno scandalo scoppiato dopo un articolo del New York Times sul trasferimento dei dati sul social network di Facebook alla società britannica Cambridge Analytica. Secondo varie stime, stiamo parlando di dati personali di circa 87 milioni di utenti. Mark Zuckerberg nel 2018 ha dovuto parlare in due udienze nel Congresso degli Stati Uniti. L'imprenditore ha assicurato ai legislatori statunitensi che da quel momento in poi Facebook gestirà con maggiore attenzione i dati degli utenti personali.

Correlati:

Sondaggio: Facebook, Google e Amazon devono pagare più tasse?
Congresso Usa ostacola la criptovaluta di Facebook
WSJ: Zuckerberg potrebbe essere coinvolto nei problemi Facebook sui dati personali
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik