16:15 14 Dicembre 2019
Abu Dhabi

Gli Emirati Arabi Uniti entreranno nel sud della Libia dal Niger

© Sputnik . Vitaly Belousov
Mondo
URL abbreviato
123
Seguici su

Gli Emirati Arabi Uniti si preparano ad aprire una base militare in Niger.

I negoziati tra gli Emirati Arabi Uniti e il Niger sull'apertura di una base militare nel territorio di un paese africano sono nelle fasi finali. 

Il Niger è situato nella regione del Sahel, dove per molti anni con l'aiuto di partner occidentali ha combattuto i terroristi. Gli esperti non escludono la partecipazione degli Emirati Arabi Uniti a queste operazioni, ma l'obiettivo principale è la volontà degli Emirati di sostenere il feldmaresciallo Khalifa Haftar il Libia

Secondo la pubblicazione African Intelligence, in seguito ai risultati di lunghe trattative, l'accordo in questione è vicino alla firma. Nei prossimi mesi, l'esercito degli Emirati sarà dislocato nel nord del Niger, in prossimità dei confini con l'Algeria e la Libia.

Per il Niger, la creazione di una base, in particolare, significa ulteriori entrate finanziarie per il bilancio, sia dirette che indirette.

Il capo della compagnia energetica AMEA Power (con sede a Dubai) Hussein Yazim al-Novais ha incontrato più volte il presidente del paese, Mahamad Issouf, e ha tenuto colloqui su progetti in comune.

Principalmente, l'apertura della base degli Emirati significa espandere il club dei paesi interessati a stabilizzare la situazione. Una delle promesse pre-elettorali a Mahamad Issuf è stata la "sconfitta dei militanti islamici". Ora, secondo l'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, ci sono cellule di cinque grandi organizzazioni terroristiche che operano nello stato. Secondo i compilatori del Global Terrorism Index, il Niger è il terzo paese al mondo in termini di livello di minaccia terroristica. Pertanto, è importante attirare quanti più aiuti esteri possibile. Ad esempio, ad aprile si sono svolte esercitazioni Flintlock in Niger, alle quali hanno preso parte rappresentanti di oltre 20 paesi partner.

Tuttavia, afferma la pubblicazione Le Monde Afrique, Mahamad Issouf rischia di trascinare il Niger nella "palude della Libia". Il sostegno dei partner dell'Esercito nazionale libico (LNA), guidati dal feldmaresciallo Khalifa Haftar, come notano i giornalisti, può provocare un peggioramento della situazione non solo in Libia, ma anche nell'intera regione, e quindi nello stesso Niger.

Gli interessi degli Emirati Arabi Uniti 

Un certo numero di pubblicazioni insistono: queste azioni mirano a creare un contrappeso all'influenza di Ankara in Libia.

Ricordiamo che gli Emirati e la Turchia sostengono parti opposte nel conflitto libico: gli Emirati sono un partner fondamentale di Khalifa Haftar, mentre la leadership turca sostiene il Primo Ministro del governo di accordo nazionale Nay Fayez Sarraj. In precedenza, il presidente Mahamad Issouf ha respinto la proposta di Roma, parlando anche dalla parte del signor Sarraj, dicreare una base italiana nel nord del paese.

Tripoli sta cercando alleati contro il feldmaresciallo Haftar

Nel frattempo, come Kirill Semenov, esperto del Consiglio russo per gli affari internazionali, ha osservato in una conversazione con Kommersant, la creazione di una base in Niger è collegata non solo alla necessità di un più stretto monitoraggio della situazione in Libia. "Naturalmente, corridoi aerei segreti per il paese e il trasferimento segreto di forze speciali sono possibili. Tuttavia, è anche possibile che gli Emirati Arabi parteciperanno a operazioni antiterrorismo insieme ad americani e francesi ", ha affermato. Inoltre, ha aggiunto l'esperto, i militari degli Emirati hanno già avuto questa esperienza dopo la campagna afghana.

La creazione di una base militare in Niger riflette le ambizioni ambiziose di Abu Dhabi. Kirill Semenov ha dichiarato: "Gli Emirati stanno espandendo il loro" impero "creando un'intera rete di basi militari, in Eritrea, in Somalia e in Libia. Per lo stesso scopo, sono coinvolti nel conflitto in Yemen, ovvero per controllare lo stretto di Bab el-Mandeb ". Inoltre, secondo l'esperto, il Qatar è in competizione e sta cercando di mostrare la sua attività nella regione, e gli Emirati Arabi Uniti sono in testa.

Correlati:

Libia: Sarraj sostiene che le forze di Haftar verranno sconfitte
Libia: Governo accordo nazionale annuncia “nuova fase” nella battaglia per difendere Tripoli
Due carri armati sovietici si affrontano in Libia (VIDEO)
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik