17:59 25 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 22
Seguici su

Un vicino del primo ministro della Nuova Zelanda, Jacinda Ardern, ha ammesso di aver ucciso il gatto della politico un anno e mezzo fa, secondo il portale locale Stuff.

Il gatto bianco e rosso Paddles è morto a novembre 2017, investito da un'auto, vicino alla casa della sua proprietaria nella periferia di Auckland. La morte del "gatto numero uno" della Nuova Zelanda è stata ampiamente riportata dai media mondiali.

L’uomo di nome Chris, che vive in una case non lontana dalla residenza del primo ministro, ha confessato ai giornalisti di Stuff che era lui il conducente dell'auto che ha colpito l'animale domestico.

​Ha detto di non aver riconosciuto il gatto e di aver scoperto la sua identità dopo aver parlato con altri vicini. Chris ha detto di aver lasciato una nota di cordoglio per Ardern, in cui sua figlia chiedeva al primo ministro di non mandare in prigione suo padre. Dopo qualche tempo, la donna stessa ha chiamato Chris per ringraziarlo delle sue condoglianze e scusarsi per le esperienze che ha dovuto subire.

Ardern aveva preso l'animale da un rifugio. Il soprannome Paddles ("Remi") era dovuto alle sue dita in più sulle sue zampe. Il suo account Twitter contava più di 10.000 follower. Paddles era diventato famoso per il fatto che con il suo miagolio forte aveva disturbato la conversazione telefonica della Ardern con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Correlati:

Australia: i gatti hanno ucciso più di un miliardo di mammiferi in un anno
Turchia, gatto affronta branco di cani per difendere il suo territorio (VIDEO)
Morta Grumpy Cat, gatta star più ricca d'Internet
Tags:
Nuova Zelanda, gatto
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook