Widgets Magazine
11:50 24 Agosto 2019

Incidente fatale in India: autobus precipita in una gravina

© AFP 2019 / Sanjay Kanojia
Mondo
URL abbreviato
0 03

In India un autobus è precipitato in una gravina nello stato Jammu e Kashmir nel nord del paese. Il numero delle vittime e dei feriti è in crescita.

L’incidente è avvenuto la mattina presto nello stato Jammu e Kashmir, comunemente chiamato Kashmir, nel nord del paese.

L’autobus, partito da Kishtwar, era diretto a Keshwan. Informazioni preliminari rivelano che l’autista potrebbe aver perso il controllo del mezzo in un tratto di strada difficile, dopodiché l’autobus è precipitato nella gravina. Nel luogo nell’incidente sono in corso lavori di salvataggio e le indagini della polizia.

Le prime stime riportavano 25 vittime, ma nelle ultime ore questo numero è salito a 35. I feriti sarebbero almeno 17, secondo ANI.

Il governatore Satyapal Malik ha espresso le sue condoglianze e ha promesso il pagamento di un’indennità alle famiglie delle vittime.

“Investigheremo dettagliatamente sulle cause di incidenti di questo tipo e prenderemo forti decisioni per assicurare azioni severe contro i responsabili di incidenti così facilmente evitabili” ha dichiarato Malik nel comunicato stampa.

Il governatore ha inoltre dato istruzioni al Dipartimento del Trasporti per rimuovere dalle strade veicoli inadatti alla circolazione e conducenti non sufficientemente addestrati.

Il primo ministro del paese Narendra Modi ha definito l’incidente struggente, espresso le sue condoglianze alle famiglie delle vittime e augurato ai feriti di guarire al più presto.

​I media indiani ricordando che le vittime di incidenti stradali nel paese ogni anno sono 100 mila persone, mentre 300-400 mila persone rimangono feriti con vario livello di gravità.

Correlati:

L'India vuole pagare in euro gli S-400 e altri armamenti russi
La sfida del "MADE IN EUROPE" a Cina, India e USA
India decide di acquistare urgentemente missili per elicotteri dalla Russia
Tags:
Kashmir, autobus, Incidente, India
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik