Widgets Magazine
20:30 22 Agosto 2019
Cacciatorpediniere americano USS Porter DDG 78

Cacciatorpediniere lanciamissili USA è in rotta verso il Mar Nero

© Foto : Public domain
Mondo
URL abbreviato
4124

Il cacciatorpediniere statunitense USS Carney, armato di missili da crociera Tomahawk, oggi ha attraversato Dardanelli in direzione del Mar Nero per partecipare alle esercitazioni militari internazionali Sea Breeze 2019.

Lo ha reso noto la Sesta Flotta degli Stati Uniti.

Le esercitazioni militari internazionali Sea Breeze 2019 inizieranno il primo al largo delle coste dell'Ucraina. Il loro obiettivo è rafforzare la stabilità regionale in mare. Ad esse parteciperanno Stati Uniti, Ucraina, Bulgaria, Romania, Turchia e Georgia. In totale, coinvolgeranno circa 900 soldati.

Le navi statunitensi che prenderanno parte alle manovre saranno due: il cacciatorpediniere USS Carney e la nave da trasporto USNS Yuma.

Il cacciatorpediniere USS Carney è equipaggiato con il sistema di difesa missilistico Aegis e, insieme ai cacciatorpediniere USS Donald Cook, USS Porter e USS Ross, è permanentemente schierato in Europa presso la base navale spagnola di Rota. Queste navi, insieme alle installazioni terrestri del sistema Aegis in Polonia e Romania, sono parte integrante del programma per costruire uno scudo missilistico europeo.

Presso i confini russi

Negli ultimi tempi le attività degli aerei da ricognizione e dei droni stranieri, tra cui quelli USA, presso i confini della Russia e le strutture militari russe all’estero si sono notevolmente intensificate. Questi oggetti sono regolarmente rilevati sul Mar Baltico, nella regione della Crimea e sul territorio di Krasnodar, nonché nelle vicinanze dalle basi russe in Siria.

Correlati:

Un aereo di ricognizione USA BMC sta esplorando la costa russa sul Mar Nero
Capo delegazione USA in Crimea condanna le campagne militari NATO nel Mar Nero
Per esercitazioni NATO nel Mar Nero Russia schiera “radar volanti” A-50
Tags:
Esercitazioni militari, Mar Nero, USA, Cacciatorpediniere
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik