Widgets Magazine
07:49 15 Settembre 2019
Enzo Moavero Milanesi

Moavero: Tripoli non è un porto sicuro

© AP Photo / Luca Bruno
Mondo
URL abbreviato
La vicenda della Sea Watch 3 (26)
11015
Seguici su

Il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, nella conferenza stampa tenuta alla Farnesina ha spiegato che la definizione di porto sicuro viene dalle convenzioni internazionali.

Il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, nella conferenza stampa tenuta alla Farnesina ha spiegato che la definizione di porto sicuro viene dalle convenzioni internazionali.

"La definizione di porto sicuro viene dalle convenzioni internazionali,queste condizioni per la Libia non ci sono. Non siamo noi a dirlo. So che da questo nascono varie precisazioni di carattere mediatico su convergenze di posizioni o meno, ma è un dato di fatto del diritto internazionale", ha detto il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi nel corso della conferenza stampa tenuta alla Farnesina con il rappresentante speciale dell’Onu in Libia, Ghassan Salamé.

“La Libia ha diritto a vigilare su ciò che accade nelle proprie acque territoriali e di intervenirvi, come ogni Stato sovrano”, ha fatto notare il ministro.

“Gli interventi della Guardia costiera libica vanno collegati all’esercizio di questo diritto-dovere. Bisogna, inoltre, ricordare che le missioni di addestramento della Guardia costiera libica vengono effettuate anche nell’ambito di missioni dell’Unione Europea“, ha concluso Moavero.

Il 12 giugno la nave Sea Watch dopo aver soccorso 52 persone nel largo della Libia ha rifiutato il porto di Tripoli perché non lo considera come sicuro. In conseguenza Matteo Salvini ha firmato il divieto di ingresso, transito e sosta alla nave.

Tema:
La vicenda della Sea Watch 3 (26)

Correlati:

In Libia distrutto cargo gigante An-124 durante combattimenti vicino Tripoli
Libia: Sarraj sostiene che le forze di Haftar verranno sconfitte
Sea Watch: “piuttosto che tornare in Libia, prefirirei morire”
Tags:
Migranti, Enzo Moavero Milanesi, Libia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik