Widgets Magazine
21:59 18 Settembre 2019

Il “Messi iraniano” nega di aver sedotto 23 donne

© AP Photo / Ebrahim Noroozi
Mondo
URL abbreviato
150
Seguici su

Il sosia iraniano di Lionel Messi ha detto che queste voci hanno portato le persone a molestare lui e la sua famiglia, ma si è detto pronto a difendere il suo nome.

L’iraniano ha negato di usare la sua sorprendente somiglianza con la star del Barcellona Lionel Messi per approfittare delle donne.

Reza Parastesh, che ha perseguito una carriera online di successo posizionandosi come perfetto sosia di Messi, ha affrontato le accuse questa settimana.

Come inizialmente riportato dal quotidiano spagnolo Marca, Parastesh ha dormito con almeno 23 donne che credevano che fosse il vero Messi, ed è stato segnalato alle autorità.

Ma Parastesh, 27 anni, è stato veloce a respingere le accuse come "fake news".

"Una fake news nel quale si dice che ho avuto rapporti con 23 donne perché pensavano che fossi Lionel Messi è diventata virale sui social network", ha detto in un post su Instagram.

"Per favore, non giocate con la reputazione e la credibilità delle persone. Siamo tutti consapevoli del fatto che se fosse realmente successo a qualcuno, ci sarebbero state alcune lamentele e questo avrebbe portato al mio processo", ha continuato. "Sarebbe un disastro e una calamità di proporzioni internazionali. Se Sarei in prigione adesso ".

Ha anche promesso di combattere le voci attraverso azioni legali per assicurarsi che il suo nome sia "chiaro".

In un'intervista al canale televisivo nigeriano Oma Sports, il "Messi iraniano" ha ammesso che lui e la sua famiglia sono stati "gravemente molestati" a causa di queste voci.

Parastesh è diventato una celebrità d'internet nel 2017, dopo che le foto di lui con indosso la maglia n.10 di Messi si sono fatte strada sui social media. Il suoi follower su Instagram sono aumentati da diverse migliaia a quasi 700.000, aprendo la porta a contratti e offerte pubblicitarie.

Durante la sua visita in Russia durante la Coppa del Mondo dello scorso anno in Russia, ha dichiarato di essere un uomo d'affari e di possedere negozi di scarpe e telefoni cellulari in Iran. Ha anche ammesso di non rivelare la sua identità alle molte persone che vengono a fare una foto con lui perché non ha "il tempo di spiegare" di essere un sosia.

Correlati:

Spogliatoio del Barcellona contro Messi
A Kazan Messi dormirà in un hotel con lo spauracchio di Cristiano Ronaldo
Al sosia di Kim non hanno permesso di restare nel Paese
Tags:
Media, media, Media, sosia, Iran, Lionel Messi
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik