Widgets Magazine
01:04 23 Settembre 2019
Due pinte di birra

Anche un bicchiere può danneggiare – neurobiologi mettono in dubbio i limiti di alcol

© AFP 2019 / CARL DE SOUZA
Mondo
URL abbreviato
0 21
Seguici su

I neurobiologi della University of Sussex in Gran Bretagna hanno rivelato la dose di vino o birra che fa male ed è più bassa di quanto si creda.

I ricercatori hanno dimostrato che bere anche solo 0.5 litri di birra o un grosso calice di vino porta a malfunzionamenti del senso di azione nelle persone sane. I risultati della ricerca sono stati pubblicati su MedicalXpress.

Durante lo studio gli specialisti hanno esaminato l’influenza sulle persone di piccole dosi di alcol che non provocano visibili variazioni del comportamento.

Gli studiosi hanno osservato che le persone che hanno bevuto alcol in quantità minime hanno la tendenza ad “avvicinare” nel tempo l’azione volitiva e il conseguente stimolo fisico.

Per esempio, se una persona muove la mano e poi vede un bagliore luminoso, la sua azione viene percepita dal cervello come se fosse stata compiuta un po’ più tardi che in realtà, mentre lo stimolo gli sembra accaduto un po’ prima. Questo fenomeno sarebbe strettamente legato al senso di azione.

Prossimamente sarà possibile bere alcolici senza ubriacarsi

Gli esperimenti prevedevano che i soggetti bevessero alcol in quantità inferiore al limite stabilito per guidare in Inghilterra e in Galles.

È risultato che dopo di aver bevuto i volontari collegavano più del solito le azioni volitive e gli stimoli. Secondo i ricercatori questo significa che il consumo di piccole quantità di bevande alcoliche fa credere alla persona di controllare la situazione, mentre in realtà non è così. Un’eccessiva sicurezza di sé può portare il conducente ad avere un comportamento potenzialmente pericoloso.

Altri studi hanno evidenziato che una dose moderata di vino ha un'influenza positiva sulle capacità cognitive negli anziani.

Correlati:

I galli apprezzavano il vino del Mediterraneo
Altro che cantieri, il vino rosso aiuta gli anziani a dimenticare meno
Individuato vino noto già agli antichi romani
Tags:
Ricerca, Salute, vino
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik