Widgets Magazine
20:17 12 Novembre 2019
Ministero della Difesa

Ministero difesa russo rivela le perdite sovietiche durante la liberazione della Polonia

© Sputnik . Natalia Seliverstova
Mondo
URL abbreviato
5233
Seguici su

Oltre 477.000 soldati sovietici sono morti durante la liberazione della Polonia nel periodo 1944-1945. Lo ha dichiarato oggi il direttore dell’archivio centrale del ministero della difesa russo Igor Permyakov.

Permyakov ha affermato che i morti sono stati più 477.000, mentre il numero di feriti supera il milione e mezzo. Questi dati, ha spiegato, provengono da un rapporto recentemente desegretato stilato dal capo del dipartimento scientifico-militare dello stato maggiore Alexander Pokrovsky nel 1956.

Nel 2017, in Polonia, è entrata in vigore la legge che vieta la propaganda del comunismo o di qualsiasi altro regime totalitario. Questa legge obbliga le autorità locali a demolire tutti i monumenti dedicati all’esercito sovietico: circa 450 in tutto il paese, secondo l'Istituto di rimembranza nazionale.

Questa legge non si applica ai cimiteri e ai siti di sepoltura.

L'ambasciata russa in Polonia sostiene che, solo negli ultimi anni, oltre un centinaio di monumenti ai soldati sovietici è stato distrutto. Il ministero degli esteri russo ha condannato le azioni delle autorità polacche, definendole oltraggiose.

Correlati:

USA potrebbero inviare 2000 soldati in Polonia
Nuovo comando USA sarà in Polonia
Polonia non si oppone ai maggiori obiettivi climatici UE, ma chiede un risarcimento: primo ministro
Tags:
Polonia, liberazione, perdite, Ministero della Difesa, Unione Sovietica, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik