09:26 29 Novembre 2020
Mondo
URL abbreviato
0 24
Seguici su

Le autorità della Nuova Zelanda hanno deciso di spendere circa 136 milioni di dollari per acquistare le armi semiautomatiche vietate in possesso dei cittadini. Lo ha riportato il New Zealand Herald con riferimento a una dichiarazione congiunta dei ministri della polizia e della finanza del paese,.

Si nota che circa $11,8 milioni sono destinati allo sviluppo di un sistema di raccolta di armi e quasi $125 milioni saranno spesi per il riscatto delle stesse. Tutti i cittadini che possiedono armi semiautomatiche dovranno venderle prima del 20 dicembre 2019.

Il 16 marzo, il procuratore generale del paese, David Parker, ha annunciato il possibile divieto di vendita di armi semiautomatiche dopo la tragedia di Christchurch. Successivamente, il primo ministro del paese, Jacinda Ardern, ha annunciato l'introduzione di un divieto di tutte le armi semiautomatiche da combattimento e di fucili d'assalto nel paese.

Il 15 marzo, un attacco terroristico e una sparatoria sono avvenuto in due moschee di Christchurch in Nuova Zelanda, nei quali 50 persone sono rimaste uccise. Altre 48 persone sono state ricoverate in ospedale con ferite da arma da fuoco.

Correlati:

Media: in Nuova Zelanda verrà creata commissione d’indagine speciale su attacco a moschee
In Nuova Zelanda arrestato responsabile di minacce di esplosione
Ministro Esteri Nuova Zelanda annuncia: risolto malinteso con la Turchia
Tags:
Armi, Armi, Armi, Polizia, Polizia, Polizia, Nuova Zelanda
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook