Widgets Magazine
10:55 17 Settembre 2019

Video: Polacco ubriaco guida carro armato sovietico in centro città

© Sputnik . Стрингер
Mondo
URL abbreviato
280
Seguici su

Un cittadino polacco ubriaco è giunto nel centro della città di Pajęczno (provincia di Lodz) con un carro armato sovietico T-55, ha detto a Sputnik un rappresentante della polizia locale.

"La polizia ha ricevuto una chiamata su un carro armato che stava andando in giro per la città: una pattuglia è arrivata e ha trovato un carro armato sovietico e un uomo accanto a lui che, come si è scoperto dopo, stava viaggiando come passeggero", ha detto la fonte dell'agenzia.

"Presto la polizia ha trovato il proprietario del carro armato di 49 anni ubriaco, come confermato da un successivo esame", ha aggiunto.

Si è scoperto che il carro armato era stato trasportato su un rimorchio speciale, ma che quest’ultimo si era rotto.

"Il veicolo da combattimento è stato rimosso dal rimorchio e il proprietario ubriaco ha deciso di attraversare le strade della città e di prendere passeggeri a bordo", ha detto un portavoce della polizia.

La polizia ha dichiarato che il carro armato non era coperto da assicurazione, e che il suo autista non aveva la licenza a guidare quel tipo di veicolo.

Un ex soldato con la licenza di operare tali macchine ha aiutato a rimuovere il carro dalla strada.

Per la creazione del pericolo di un incidente, il conducente ubriaco rischia fino a otto anni di carcere, e per la guida in stato di ebbrezza fino a due anni.

Il carro armato sovietico T-55 è stato prodotto dal 1956 al 1979. Pesa oltre 36 tonnellate. Carri di questo tipo erano ampiamente usate nei paesi del Patto di Varsavia. L'esercito polacco ha smesso di usare questi corazzati nel 2002.

Correlati:

Due carri armati sovietici si affrontano in Libia (VIDEO)
Progettato nuovo calibro 57 mm per carri armati corazzati russi
Britannici riconoscono superiorità dei tank sovietici sul carro armato Chieftain
Tags:
Video, Polonia, alcolismo, alcol, carro armato
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik