Widgets Magazine
10:56 19 Luglio 2019

Le quattro abitudini di ogni giorno che portano al cancro (secondo gli oncologi americani)

© Fotolia / Makieni
Mondo
URL abbreviato
4122

Tra questi il mangiare piatti caldi e bere il caffè al mattino. Gli oncologi americani hanno sottolineato la relazione tra certe abitudini giornaliere e le statistiche sul cancro.

Cibi caldi e bevande

Le persone che hanno l'abitudine di mangiare piatti e bevande più calde aumentano la probabilità di sviluppare il cancro dell'esofago e della mucosa orale. Gli esperti raccomandano di non bere il tè e di non mangiare cibi, la cui temperatura supera i 60 °C.

Caffè al mattino

Durante la tostatura dei chicchi di caffè si formano degli agenti cancerogeni che possono accumularsi nel corpo. Bere due o più tazze di caffè al giorno aumenta il rischio di cancro ai polmoni anche per i non fumatori del 41%. L'Associazione americana dei ricercatori sul cancro è arrivata a questa conclusione dopo aver analizzato i dati su 1,2 milioni di persone.

Carne tutti i giorni

L'abitudine di mangiare carne rossa ogni giorno, in particolare i prodotti lavorati come affettati e salumi, aumenta il rischio di morte prematura del 43% e può indurre malattie oncologiche, emerge dalle ricerche. Il nitrato di sodio è considerato la sostanza più dannosa nei prodotti a base di carne lavorati: i ricercatori vedono in questa sostanza un rischio più elevato di sviluppare tumori maligni nel tratto gastrointestinale.

Guardare per credere: il canale YOUTUBE di Sputnik Italia

Attività notturna

La mancanza di sonno e l'abitudine di essere svegli fino a tardi contribuisce alla produzione insufficiente dell'ormone noto come melatonina, responsabile dei ritmi naturali quotidiani di una persona. Con la sua mancanza molti ricercatori associano lo sviluppo delle masse tumorali nell'organismo. In particolare, secondo gli oncologi, la mancanza di melatonina aumenta il rischio di cancro al seno.

Tags:
USA, Società, Scienza e Tecnica, Salute, Medicina, cancro, tumore
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik