Widgets Magazine
04:42 23 Settembre 2019

Disordini a Hong Kong, migliaia di persone in piazza per protesta

© REUTERS / Athit Perawongmetha
Mondo
URL abbreviato
5515
Seguici su

Ad Hong Kong è in corso una manifestazione di protesta iniziata dai cittadini contro le correzioni alla legge sull’estradizione, sulle strade della città di sono formate barricate di mattoni e barriere metalliche.

Secondo il South China Morning Post, alla protesta prendono parte soprattutto studenti e molti negozi, aziende e banche hanno chiuso in quanto anche i dipendenti hanno deciso di scendere in piazza per esprimere la propria posizione politica. Sulle strade si moltiplicano i cartelloni che esortano Carrie Lam, l'attuale Capo Esecutivo di Hong Kong, a presentare le dimissioni e interrompere immediatamente l’esame delle modifiche alla legge sull’estradizione.

La polizia ha fatto uso di gas lacrimogeni e al peperoncino quando i manifestanti hanno oltrepassato le barriere metalliche davanti all’edificio del Consiglio legislativo. Il capo della polizia locale Stephen Lo ha definito gli scontri “disordini di massa” e ha dichiarato che la polizia è stata costretta a passare alla forza.

“A questo punto si tratta di disordini di massa. Non ci è rimasta altra scelta che applicare la forza per fermare questi partecipanti ai disordini dal tentativo di spezzare la nostra linea di difesa”, ha detto Stephen Lo.

Il capo della polizia ha criticato questo “comportamento irresponsabile” sottolineando che per esprimere la propria opinione non c’è alcuna necessità di causare danni fisici a persone che non hanno colpe. “Esortiamo tutti ad astenersi da azioni delle quali si pentiranno fino alla fine della propria vita”, ha detto Lo.

Questa mattina a causa delle proteste il Consiglio legislativo di Hong Kong ha posticipato a tempi non definiti la seduta sulle modifiche alla legge sull’estradizione prevista per le 11 ora locale (3 UTC).

Si tratta della seconda grossa manifestazione nell’ultima settimana. Il 9 giugno più di un milione di persone sono scese in strada per protestare contro le modifiche al progetto di legge sull’estradizione dei sospetti che, se approvate dal parlamento, permetteranno ad Hong Kong di consegnare gli imputati alle giurisdizioni con le quali non è in vigore un accordo sull’estradizione, tra cui Taiwan, Macao e la zona continentale della Cina. Gli oppositori del progetto di legge temono che le modifiche permettano di estradare nella Cina continentale non solo i corrotti funzionari cinesi che si nascondono a Hong Kong, ma anche gli attivisti che non appoggiano la politica di Pechino.

Correlati:

26 feriti in Arabia Saudita in seguito ad attacco Huthi
Google sa che la crescita economica di Huawei è una minaccia, ritiene esperto cinese
Professore russo racconta i piani pericolosi degli USA
Tags:
Proteste, estradizione, Cina, Hong Kong
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik