Widgets Magazine
22:25 16 Ottobre 2019
A hacker

Controspionaggio britannico accusato di "gestione illecita di dati"

© flickr.com/ Dennis Skley
Mondo
URL abbreviato
0 40
Seguici su

L'organizzazione per i diritti umani Liberty ha intentato una causa contro l'agenzia del controspionaggio britannico (MI5), accusata di "gestione illegale di dati", segnala il quotidiano Guardian.

"Queste scioccanti rivelazioni mostrano come l'MI5 abbia gestito illegalmente i nostri dati per molti anni, conservandoli quando non avevano alcuna base legale per farlo, comprese le informazioni più sensibili: le nostre chiamate e messaggi, le informazioni sulla nostra locazione, sulla nostra cronologia del browser"," il giornale riporta le parole dell'avvocato di Liberty Megan Goulding.

L'avvocato ha inoltre aggiunto che "l'MI5 ha cercato di nascondere i propri errori fornendo informazioni errate ad un commissario incaricato dalle autorità per condurre indagini preliminari".

Si osserva che questo problema è passato alla ribalta nel gennaio 2016. Tuttavia il commissario autorizzato a condurre indagini preliminari Adrian Falford aveva richiamato l'attenzione sugli errori dell'MI5 nell'utilizzo dei dati all'inizio di quest'anno. In una lettera che il controspionaggio invia a Falford, si sostiene che l'agenzia non sapeva quali dati avesse archiviato.

Il funzionario ha affermato che il modo in cui l'agenzia gestiva le informazioni era "indubbiamente illegale".

Tags:
Servizi Segreti, Informazione, Privacy, Spionaggio, Società, Regno Unito
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik