Widgets Magazine
11:00 20 Ottobre 2019
Sonno

Gli scienziati spiegano perché alcune persone non riescono a perdere peso

© Sputnik . Natalia Seliverstova
Mondo
URL abbreviato
0 50
Seguici su

La mancanza di un corretto regime di sonno provoca disturbi metabolici che aumenta il rischio di diabete, ipertensione, colesterolo e favorisce l'aumento di peso. Lo riporta EurekAlert!, citando una ricerca del National Institutes of Health (USA).

Gli scienziati osservano che gli studi precedenti in quest'area si concentravano sugli effetti della mancanza di sonno sul corpo, mentre il loro lavoro considera l'effetto della mancanza e della diversa durata del sonno notturno.

"Il nostro studio mostra che, data la quantità di sonno e altri fattori legati allo stile di vita, ogni volta che ci si addormenta ad orari diversi, anche con una sola ora di differenza, aumenta l'effetto negativo sul metabolismo", ha detto uno degli autori dello studio, l'epidemiologo Tianyi Juan del Brigham Women's Hospital di Boston.

Gli scienziati hanno condotto un esperimento con la partecipazione di oltre 2000 volontari tra i 45 e gli 84 anni. Per 6 anni, gli esperti hanno osservato il rapporto tra sonno e veglia e i disturbi metabolici.

Si è scoperto che i pazienti con problemi nel programma di sonno avevano disturbi metabolici. Queste violazioni persistevano dopo aver regolato il regime giornaliero. I partecipanti all'esperimento hanno mostrato una tendenza all'aumento di peso e alla depressione del 27%.

I volontari che invece avevano l’abitudine di andare a dormire e svegliarsi alla stessa ora non hanno accusato simili problemi di salute.

"I risultati del nostro studio dimostrano che il mantenimento di un programma di sonno regolare ha un effetto positivo sul metabolismo", sottolinea Susan Redline.

Correlati:

Scoperto perché il sonno allunga la vita
I medici spiegano come il sonno sano aiuta a combattere l'eccesso di peso 
Quali conseguenze dallo stress al lavoro e dal sonno insufficiente?
Tags:
sonno, Salute, Ricerca
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik