Widgets Magazine
10:59 22 Agosto 2019

I ricercatori spiegano come sono fatti gli extra-terrestri

© Depositphotos / Swisshippo
Mondo
URL abbreviato
404

Gli organismi viventi sugli altri pianeti probabilmente hanno sembianze simili a spaghettini, secondo i ricercatori dell’Università dell’Illinois.

Nelle prime tappe del suo sviluppo, la vita spesso si presenta sotto forma di colonie di microrganismi simili a spaghettini o accumuli di fili. Lo spiegano i ricercatori dell’Università dell’Illinois, che hanno spiegato i protozoi che abitano nelle sorgenti d’acqua calde nel Parco nazionale di Yellowstone. Nell’acqua corrente le colonie di protozoi si dispongono in formazioni allungate lungo il flusso dell’acqua, nell’acqua stagna invece formano degli accumuli batterici dall’aspetto soffice.

I microrganismi che hanno analizzato gli scienziati appartengono alla specie dei Sulfurihydrogenibium yellowstonense, sono apparsi circa 25 miliardi di anni fa e sono in grado di vivere praticamente senza ossigeno. Se organismi simili sono mai esistiti su Marte o in altri pianeti, probabilmente hanno lasciato tracce della stessa forma allungata. Sono proprio queste tracce quello che dobbiamo cercare sugli altri pianeti.

Correlati:

C’è vita anche nelle zone della Terra più sfavorevoli, e su Marte... Perché no?
NASA: primi risultati dello studio di un pianeta “piatto”
Ce ne vorrebbero 3 di pianeti Terra se tutti consumassero come noi (occidentali)
Tags:
Yellowstone, Ricerca, Extraterrestri
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik