05:28 18 Novembre 2019
Poliziotto kosovaro (foto d'archivio)

Dati del Kosovo su detenzione ispettore russo non coincidono con informazioni missione ONU

© AFP 2019 / Armend Nimani
Mondo
URL abbreviato
2122
Seguici su

La posizione dell'autoproclamata Repubblica del Kosovo in relazione alla detenzione forzata del cittadino russo Mikhail Krasnoshchekov, ispettore della missione dell'ONU, e del suo collega non coincide con i dati della missione delle Nazioni Unite, secondo cui la polizia ha usato eccessivamente e illegalmente la forza.

Lo si afferma in una dichiarazione rilasciata ai media da Sanam Dolatshahi, la portavoce della missione ONU. Le autorità indipendentiste del Kosovo insistono sul fatto che i rappresentanti dell'ONU arrestati hanno impedito alla polizia di eseguire i propri compiti.

"Dato che le Nazioni Unite sono impegnate nell'accertare le esatte circostanze dell'arresto e del ferimento di due suoi collaboratori, la nostra missione non commenta e non valuta i dettagli del caso pubblicati da altre fonti in questa fase", ha evidenziato la Dolatshahi.

"Tuttavia possiamo rilevare che le informazioni fornite dalla polizia kosovara nell'ultimo rapporto non coincidono con le nostre informazioni sull'evento, e finora non sono state fornite prove concrete all'ONU dai rappresentanti della polizia e di altre autorità del Kosovo".

Ha inoltre fatto riferimento alla posizione precedentemente espressa dalla missione delle Nazioni Unite in Kosovo.

"Ripetiamo che, indipendentemente dagli altri fatti, è ovvio che c'è stata una violazione dell'immunità e di altre norme durante la detenzione e l'arresto di due nostri dipendenti, nonostante la loro chiara identificazione come personale delle Nazioni Unite. Le prove indicano chiaramente l'uso eccessivo e non autorizzato della forza da parte degli agenti della polizia kosovara", - ha riassunto la Dolatshahi.

L'ispettore russo, nonostante la sua immunità diplomatica, è stato arrestato il 28 maggio e picchiato selvaggiamente durante l'operazione delle forze speciali kosovaro-albanesi nella parte settentrionale della provincia dove risiede la comunità serba.

Tags:
ONU, Violenza, Polizia, Kosovo
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik