Widgets Magazine
04:11 24 Agosto 2019
Dalai Lama

Il Dalai Lama spiega come raggiungere la felicità

© Sputnik . Nina Alekseeva
Mondo
URL abbreviato
2172

La felicità è legata al sesto senso e alla quiete della mente, e non ai cinque organi di senso e ai beni materiali, ha spiegato il Dalai Lama, oggi 83enne, in un’intervista esclusiva a Sputnik.

“La vera felicità è legata al sesto senso… Nel buddhismo distinguiamo cinque sensi, legati ai cinque organi di percezione, e il sesto, quello della coscienza mentale… L’autentica felicità non è causata dalle sensazioni che riceviamo tramite gli organi di percezione, ma dalle emozioni di tipo mentale. E proprio per questo se provate delle sensazioni spiacevoli che arrivano dagli organi di senso, ma effettuate un certo tipo di lavoro a livello mentale, potete mantenere la quiete della mente”, ha detto il Dalai Lama rispondendo alla domanda su come essere felici.

Secondo il Dalai Lama “nel mondo occidentale l’istruzione è in genere finalizzata all’acquisizione di beni materiali”, ma “i beni materiali possono regalarci solo piaceri di senso”. Il piacere è dato anche dalle competizioni sportive, dalla bella musica, dal buon cibo, dai profumi e dai contatti piacevoli, compresi quelli sessuali. “La sensazione di felicità che sentono le persone in questi casi si basa esclusivamente sulle percezioni sensoriali. Quella felicità è effimera. Quando avete dei motivi materiali per essere felici, siete felici. Ma quando questi spariscono non vi restano che i ricordi”.

La guida spirituale ha sottolineato che “la coscienza mentale è più alto dei tipi di coscienza legati alle percezioni degli organi di senso”, ma “siccome conduciamo uno stile di vita materiale diventiamo schiavi delle emozioni sensoriali”. Il Dalai Lama ha invitato tutti coloro che desiderano consapevolmente essere felici a liberarsi di questa “schiavitù”, “lavorare al livello mentale” della coscienza e raggiungere “la quiete della mente”.

“Tra le diverse tradizioni religiose e filosofiche quella del monastero-università di Nalanda è la più moderna e scientifica. Potete metterla in pratica… Quelli che appartengono alle comunità buddhiste tradizionali. Inoltre oggi sono sempre più i non buddhisti russi, tra cui professori dell’MGU (l’Università Statale Lomonosov di Mosca, ndr), che mostrano interesse per le tradizioni di Nalanda e per la scienza della mente. È un segnale che dà speranza. La situazione oggi sta veramente maturando. Siccome la Russia è un paese grande e rappresenta il ponte tra l’Europa e l’Asia, può apporre un contributo significativo alla promozione dell’idea dell’importanza della quiete della mente”, ha detto il Dalai Lama.

Correlati:

Dalai Lama: l'Occidente ha bisogno della Russia
Il Dalai Lama non crede alla "pillola della compassione" e all'intelligenza artificiale
Dalai Lama incontra scienziati russi per dibattito sull'universo,evoluzione e spiritualità
Tags:
Asia, Occidente, Russia, felicità, Dalai Lama
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik