Widgets Magazine
23:04 21 Agosto 2019

Washington minaccia di escludere Francia e Germania dal sistema finanziario USA

© REUTERS / Francois Mori/Pool
Mondo
URL abbreviato
6241

Il presidente USA Donald Trump ha deciso di assumere una posizione più rigida rispetto ai rapporti con Teheran e di esercitare ulteriore pressione sui paesi dell'Unione Europea combattendo il sistema INSTEX.

Trump ha evidentemente intuito che non otterrà molto con le sue minacce dirette all’Iran e neanche con l’invio di truppe nel Medio Oriente e ha quindi deciso di fare pressione sull’Iran attraverso l’Europa. I paesi europei continuano a cercare di mantenere il Piano d'azione congiunto globale (PACG), meglio noto come accordo sul nucleare iraniano, con cui l’Iran si era impegnato a rinunciare al programma nucleare in cambio dell’annullamento delle sanzioni a suo carico e da cui gli Stati Uniti sono usciti un anno fa in regime unilaterale.

Il presidente americano sostiene che l’Iran stia portando avanti la creazione dell’arma nucleare e che coloro che gli permettono di vendere il petrolio e le altre merci lo aiutino così a finanziare l’organizzazione terroristica libanese Hezbollah e gli scontri nello Yemen. Trump potrebbe benissimo riferirsi all’Unione Europea.

D’altro canto Bruxelles ritiene che l’accordo sul nucleare sia una motivazione sufficiente perché Teheran sospenda la creazione dell’arma nucleare. Gli europei hanno quindi trovato un modo di aggirare il divieto di commercio con l’Iran imposto dagli USA, lanciando un sistema denominato INSTEX (Instrument in Support of Trade Exchanges, in italiano Strumento a sostegno degli scambi commerciali), che permette alle aziende europee di continuare a collaborare con il paese evitando le sanzioni.

Donald Trump ha dichiarato di volersi opporre all’INSTEX creato dai paesi europei firmatari del PACG, ossia Francia, Regno Unito e Germania. Come riporta Bloomberg, il vice ministro del Commercio statunitense Sigal Mandelker, responsabile per la lotta al terrorismo e per la raccolta di informazioni in campo finanziario, ritiene che qualsiasi impresa legata all’INSTEX potrebbe essere esclusa dal sistema finanziario degli Stati Uniti. Se il piano sarà effettivamente messo in pratica, la sua attività potrebbe incontrare problemi molto seri.

“Vi prego di prendere in considerazione le possibili sanzioni alle quali potrebbe essere esposto l’INSTEX”, avverte Mandelker in un messaggio diretto al direttore del progetto Per Fisher, “la partecipazione ad attività che violano le sanzioni americane può avere conseguenze molto gravi, tra cui la perdita dell’accesso al sistema finanziario USA”.

Si tratta di minacce piuttosto serie. Tuttavia l’alto rappresentante UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza Federica Mogherini ha recentemente comunicato ai giornalisti che sta lavorando intensamente con i ministri degli Esteri di Francia, Regno Unito e Germania per aggirare le sanzioni americane contro l’Iran, aggiungendo che potremo vederne il risultato già nel giro di poche settimane.

Correlati:

Ministero Esteri iraniano respinge accuse USA di aver attaccato le petroliere negli Emirati Arabi
Il Qatar si sta preparando alla guerra con l’Iran?
Cina non compra più petrolio iraniano per le sanzioni USA
Tags:
UE, Sanzioni Iran, Iran, USA, Donald Trump
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik