00:45 19 Novembre 2019

“Capsula del tempo” risalente all’era glaciale trovata sul fondo dell’Oceano Indiano

© Sputnik . Natalia Seliverstova
Mondo
URL abbreviato
Scienza e fantascienza (32)
0 51
Seguici su

I ricercatori dell’Università di Chicago (USA) hanno trovato nelle rotte sul fondo dell’oceano resti di acqua marina di 20 mila anni.

La scoperta è avvenuta quando un gruppo di ricercatori specializzati in geologia e oceanologia stava studiando le rocce calcaree sul fondo dell’Oceano Indiano vicino alle Maldive, come riporta Phys.org.

I campioni delle formazioni rocciose sono stati estratti tramite uno strumento speciale montato a bordo di una nave appositamente progettata per questo tipo di ricerche, la JOIDES Resolution. La lunghezza totale delle carote (si chiamano così campioni di roccia a forma cilindrica) analizzate dagli studiosi è pari a 1,6 km.

Durante le analisi delle componenti chimiche e isotopiche i ricercatori hanno fatto un’importante scoperta: l’acqua era notevolmente più salata di quella degli oceani attuali.

I test hanno confermato che si tratta di rimanenze di acqua risalente all’era glaciale conservatasi all’interno delle rocce. I risultati hanno dimostrato che nel passato la salinità dell’acqua marina aveva un ruolo più importante nella circolazione degli oceani rispetto a oggi. Gli oceani erano molto più salati e nei ghiacciai era contenuta più acqua dolce.

Da dietro si  vede di più: segui la pagina Instagram di Sputnik Italia

Questa scoperta permette di verificare i modelli teorici sul clima dell’ultima era glaciale, fino ad ora basati solo su dati indiretti, come i coralli fossili e le componenti chimiche delle sedimentazioni sul fondo del mare.

Tema:
Scienza e fantascienza (32)

Correlati:

Allarme Greenpeace, specie muoiono a causa della plastica in mare
Ritrovate le droghe usate anticamente per parlare con gli spiriti
Trovata stanza segreta nel palazzo di Nerone
Tags:
Geologia, scienza, Ricerca scientifica, Ricerca, Oceano Indiano, oceano
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik