Widgets Magazine
07:39 26 Agosto 2019
Papa Francesco

Papa Francesco sui migranti: il timore è legittimo ma i dubbi rendono razzisti

© AFP 2019 / FILIPPO MONTEFORTE
Mondo
URL abbreviato
15128

Nel messaggio per la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato 2019, che si celebrerà il prossimo 29 settembre, il Pontefice ha esortato tutte le persone di buona volontà a trattare gli atteggiamenti nei confronti dei migranti come un'importante sfida alla quale sono connessi il presente e il futuro di tutta l'umanità.

Ancora una volta, esprimendo profonda preoccupazione per il destino di molte persone costrette a lasciare la loro terra natia a causa di guerre, persecuzioni e discriminazioni, Papa Francesco ha sottolineato che l'atteggiamento nei loro confronti “rappresenta un campanello di allarme che avvisa del declino morale a cui si va incontro se si continua a concedere terreno alla cultura dello scarto”. Infatti, su questa via, ogni soggetto che non rientra nei canoni del benessere fisico, psichico e sociale diventa a rischio di emarginazione e di esclusione".

Il Santo Padre ha affermato che la presenza dei rifugiati nella società moderna sta spingendo per "il ripristino di alcune dimensioni fondamentali della nostra esistenza cristiana e della nostra umanità".

"Non si tratta solo di migranti: si tratta anche delle nostre paure. Le cattiverie e le brutture del nostro tempo accrescono il nostro timore verso gli altri, gli sconosciuti, gli emarginati, i forestieri. E questo si nota particolarmente oggi, di fronte all'arrivo di migranti e rifugiati che bussano alla nostra porta in cerca di protezione, di sicurezza e di un futuro migliore. È vero, il timore è legittimo, anche perché manca la preparazione a questo incontro. Il problema non è il fatto di avere dubbi e timori. Il problema è quando questi condizionano il nostro modo di pensare e di agire al punto da renderci intolleranti, chiusi, forse anche - senza accorgercene – razzisti", chiosa Papa Francesco.

Il Pontefice ha ripetutamente invitato la comunità internazionale e tutte le persone di buona volontà a fornire assistenza completa ai rifugiati.

Nel gennaio 2018 Francesco, "per motivi pastorali", ha deciso di posticipare la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, precedentemente celebrata dai cattolici da metà gennaio a settembre.

Correlati:

“Il Mediteranneo si sta convertendo in un cimitero” (il Papa sui migranti)
Papa Francesco ricorda a 6000 ragazzi che il calcio “è un gioco”
Papa Francesco sul aborto: La vita umana è sacra e inviolabile
Tags:
Migranti, Papa Francesco
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik