23:42 15 Novembre 2019

I megaliti di Baalbek non sono stati costruiti dai Romani

© Sputnik . Екатерина Чеснокова
Mondo
URL abbreviato
638
Seguici su

I ricercatori del Politecnico di Milano hanno scoperto che il famoso tempio di Giove nella città libanese di Baalbek è stato fondato durante il regno di Re Erode il Grande.

Il Tempio di Giove a Baalbek è una delle strutture più grandi del pianeta. Il peso dei monoliti di pietra con i quali il complesso è stato realizzato, raggiunge le 800-1000 tonnellate.

È noto che la sua costruzione fu completata dai Romani intorno all'anno 60 d.C. Ma chi ha iniziato la costruzione? Gli esperti italiani hanno cercato di trovare la risposta a questa domanda.

Hanno osservato che la costruzione dell'enorme muro, che protegge lo stesso enorme seminterrato, è sorprendentemente complessa: è fatta di blocchi di pietra giganti, e man mano che l'altezza aumenta, aumenta anche la dimensione delle pietre.

La squadra guidata da Giulio Magli nel suo studio dimostra che la costruzione del piano interrato è iniziata verso il 15 a.C. Cioè, il tempio fu fondato durante il regno di Erode il Grande. Tuttavia, non governava questa regione, ma era un grande amico dei romani e dunque potrebbe aver finanziato i lavori.

Il fatto che Erode abbia iniziato a costruire il tempio è confermato da numerose prove. Ad esempio, il tempio è incentrato sull'ascesa delle Pleiadi, un ammasso stellare vicino alla Terra. Per i romani, questa sarebbe stata una scelta insolita, ma non per il mondo ellenistico in cui le Pleiadi erano associate alla fertilità.

Inoltre, archeologi e ingegneri italiani hanno trovato una chiara analogia architettonica del Tempio di Giove con le fondamenta sul Monte del Tempio. Secondo i ricercatori, i megaliti di Baalbek potrebbero essere inclusi nella lista delle strutture realizzate da Erode il Grande.

Correlati:

Svelato uno dei misteri di Stonehenge
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik