23:26 16 Giugno 2019
La bandiera della Bulgaria

Economista bulgaro ritiene che l'UE abbia approfittato della Bulgaria

© flickr.com / ResoluteSupportMedia
Mondo
URL abbreviato
132

Candidato bulgaro al Parlamento europeo ritiene che l'UE abbia approfittato della Bulgaria come fonte di materie prime e basta.

Il candidato per i deputati della coalizione per la Bulgaria, professore di economia, Boyan Durankiev, ha affermato che la Bulgaria non è riuscita a realizzare in 12 anni di appartenenza all'Unione europea ciò che altri paesi sono stati in grado di raggiungere. Ha espresso questa opinione in un'intervista con Fakti.bg.

Secondo Durankiev, si prevedeva che, dopo l'adesione della Bulgaria e di altri paesi dell'Europa orientale, sarebbe stato possibile ottenere redditi più alti e un tenore di vita più elevato.

"Ma l'Unione europea in questo caso ha utilizzato la Bulgaria e altri paesi come fonte di materie prime e, inoltre, come fonte di manodopera gratuita", ha dichiarato Durankiev.

L'economista ha anche notato che i giovani che se ne sono andati, se avessero lavorato in Bulgaria, avrebbero potuto portare circa 300 miliardi di euro al tesoro del paese. Questo importo include quasi 20 miliardi di euro stanziati dal paese a coloro che vivevano in Bulgaria sotto i 18 anni di età.

La grande colpa del governo bulgaro, secondo il deputato, sta nel fatto che la Bulgaria non è riuscita a raggiungere il livello di sviluppo socioeconomico di altri paesi dell'UE, ma a detta sua la colpa è anche l'Unione europea: l’UE non ha mai realizzato un chiaro programma di sviluppo di questi paesi.

"I paesi si sono trovati di fronte a questi soldi, e ognuno poteva fare ciò che vuole: la Bulgaria da sola la Romania anche", ha detto l'economista, esprimendo rammarico per il fatto che per tutti gli anni di appartenenza all’UE i deputati bulgari europei non hanno difeso gli interessi del paese.

Il deputato ha anche toccato la questione dell'erogazione di fondi dall'Unione Europea, commentando la dichiarazione del presentatore secondo cui "non importa quanti soldi daranno alla Bulgaria, saranno rubati". Durankiev ha osservato che 300-400 imprese ottengono l'80% di questo denaro e viene utilizzato dai politici associati a queste imprese.

"La Bulgaria è una vera e propria palude, nella quale i fondi europei vengono rubati senza misura. Questi vengono veramente valorizzati, i politici sono felici. [...] Tagliamo continuamente i nastri, ma per il bulgaro medio la situazione non cambia", ha detto l'economista.

Correlati:

Ci vorranno 44 anni alla Bulgaria per raggiungere il livello medio di sviluppo della UE
Crisi demografica in Bulgaria: indice di mortalità quasi come nei paesi in guerra
Opposizione bulgara accusa governo di aver trascurato interessi nazionali in Europa
Tags:
povertà, Povertà, Povertà, sviluppo, sviluppo, sviluppo, Parlamento Europeo, UE, Bulgaria
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik