12:22 26 Giugno 2019
Una plataforma petrolífera de PDVSA en la Faja del Orinoco

USA tornano a comprare petrolio venezuelano

© AFP 2019 / Ramon Sahmkow
Mondo
URL abbreviato
La crisi politica in Venezuela (407)
18110

Le esportazioni di petrolio dal Venezuela agli Stati Uniti per la settimana il tra il 13 e il 17 maggio sono ammontate a 49.000 barili al giorno, come conseguenza della revisione settimanale del Dipartimento per l'energia delle informazioni sull'energia negli Stati Uniti.

Un anno fa, nella settimana fino al 18 maggio 2018, questa importazione ammontava a 352.000 barili al giorno.

Allo stesso tempo, gli Stati Uniti non hanno acquistato petrolio venezuelano nelle ultime due settimane, secondo i dati della direzione. Ad aprile, gli USA hanno effettuato piccoli acquisti di petrolio dal Venezuela (per 71-191 mila barili di petrolio al giorno). Prima di questo, nella seconda metà di marzo, gli Stati Uniti non importavano il petrolio venezuelano per tre settimane.

Il 28 gennaio, gli Stati Uniti hanno annunciato l'imposizione di sanzioni contro la compagnia petrolifera di stato venezuelana PDVSA, bloccando i beni e gli interessi della società nella sua giurisdizione per $7 miliardi e hanno anche vietato le transazioni con loro. Secondo la Casa Bianca, altri 11 miliardi di dollari verranno persi dalla compagnia le mancate forniture di petrolio.


Il 30 aprile Juan Guaidó, circondato da persone in uniforme militare, è apparso in un video in cui esortava i militari a ribellarsi e rivoltare il presidente Nicolás Maduro. Il politico ha dichiarato che l’esercito si è schierato dalla sua parte e che è giunta “la fase finale dell’operazione Libertà”. Nel video oltre a Guaidó è apparso un altro influente politico dell’opposizione, Leopoldo Lopez, che prima si trovava in stato d’arresto e, secondo le sue stesse parole, è stato liberato dai militari.

Qualche ora dopo la pubblicazione del video messaggio di Guaidó, Maduro ha affermato di aver parlato con i comandanti di diverse unità strutturali (REDI e ZODI), che gli hanno mostrato la loro "completa fedeltà" e assicurato che resteranno fedeli al Popolo, alla Costituzione e alla Patria.

Il 21 gennaio sono iniziate proteste di massa in Venezuela contro l'attuale presidente del paese, Nicolas Maduro. Il 23 gennaio, il capo dell'Assemblea nazionale di opposizione, Juan Guaidò, si è proclamato l'attuale presidente del Venezuela, ed è stato immediatamente riconosciuto dagli Stati Uniti e da un certo numero di paesi dell'America Latina.

Tema:
La crisi politica in Venezuela (407)

Correlati:

UE insiste: in Venezuela servono elezioni presidenziali, non parlamentari
Gli USA potrebbero intervenire in Venezuela
Ambasciatore venezuelano a Mosca smentisce piani per creare base militare russa
Tags:
Petrolio, Petrolio, Situazione in Venezuela, Venezuela, USA, Pdvsa
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik