Widgets Magazine
12:04 12 Novembre 2019
Scorie radioattive

Allarme scorie radioattive: avvistate crepe su deposito nucleare USA nel Pacifico

© Fotolia / Stephenallen75
Mondo
URL abbreviato
144
Seguici su

I rifiuti radioattivi lasciati dai collaudi dell’arma nucleare svolti dagli USA durante la guerra fredda potrebbero finire nell’Oceano Pacifico, avverte il segretario generale ONU António Guterres.

La cupola di asfalto che copre il deposito di rifiuti radioattivi sull’isola di Runit (atollo Enewetak, isole Marshall) potrebbe avere delle perdite, informa Fox News.

Il segretario generale ONU António Guterres ha ricordato che “la regione del Pacifico è già stata vittima in passato”, rimandando ai test nucleari svolti da USA e Francia in questi territori.

Nelle vicinanze dell’arcipelago delle isole Marshall hanno avuto luogo decine di test, molti abitanti sono stati costretti ad abbandonare le proprie case e migliaia di persone hanno sofferto le conseguenze delle scorie radioattive.

E ora insorge il rischio della “fuoriuscita di materiali radioattivi” contenuti nel deposito costruito sull’isola. Sulla cupola sono apparse delle crepe e si teme che la costruzione possa essere distrutta in caso di ciclone tropicale.

Nel 2017 le autorità americane hanno rivelato 750 film, prima tenuti in segreto, sui test nucleari dal 1945 al 1962.

Correlati:

Iran, ritorno al nucleare?
The Independent: l'espansione dell'UE ha causato Brexit e nuova guerra fredda
USA decidono di ritornare alla strategia della guerra fredda in Europa
Tags:
Oceano Pacifico, Nucleare, Scorie radioattive, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik