Widgets Magazine
21:47 12 Novembre 2019
Tripoli, Libia.

Tripoli resta senza acqua a causa degli attacchi ribelli

© Sputnik . Vladimir Fedorenko
Mondo
URL abbreviato
104
Seguici su

Il servizio di gestione dell’acqua corrente del grande fiume artificiale libico ha annunciato che Tripoli e altre città della zona centrale e occidentale saranno private dell’acqua corrente in seguito all’attacco di un gruppo armato che ha obbligato gli operai a chiudere le valvole.

“Il servizio di gestione del grande fiume artificiale notifica che il pompaggio dell’acqua dai pozzi sarà interrotto dopo l’attacco di un gruppo armato che ha obbligato i tecnici a chiudere tutte le valvole di gestione del flusso e a interrompere il lavoro presso i pozzi”, si legge nel comunicato.

Secondo il comunicato del servizio di gestione dell’acqua il funzionamento dei pozzi non potrà essere ripristinato fino a che non saranno soddisfatte le richieste dei guerriglieri. I dettagli delle richieste non sono ancora noti.

L’organizzazione informa che gli attacchi “porteranno all’interruzione dell’acqua corrente nella città di Tripoli, in altre città della zona occidentale e centrale domani mattina (lunedì)” e chiede agli organi di sicurezza e alle strutture militari di incaricarsi della difesa dei pozzi e dei sistemi di acquedotti.

Dopo il rovesciamento e l'omicidio di Muammar Gheddafi nel 2011, in Libia è scoppiata una crisi politica. Il paese si trova ora spaccato a metà e governato da due distinte autorità. Il parlamento eletto dal popolo si trova a est; mentre a ovest, nella capitale Tripoli, ha sede un Governo di accordo nazionale sostenuto dall'ONU e dall'UE guidato da Fayez al-Sarraj. Le autorità della zona orientale agiscono indipendentemente da Tripoli e collaborano con l’Esercito nazionale libico, comandato da Khalifa Haftar.

Il 4 aprile, il comandante Khalifa Haftar ha ordinato alle sue forze di lanciare un’offensiva contro la capitale per la "liberarla dai terroristi". Le unità armate fedeli al governo di Tripoli hanno annunciato l'inizio dell'operazione di risposta Vulcano di rabbia. Al momento, continuano le battaglie di posizione nell'area della capitale libica. Secondo l'OMS, il bilancio delle vittime negli scontri ha superato le 450 persone, e oltre 2100 sono rimaste ferite.

Correlati:

Un aereo militare italiano sorvola la Libia
Paesi UE chiedono cessate il fuoco in Libia
Libia, Parigi chiede un cessate il fuoco immediato
Tags:
Khalifa Haftar, Muammar Gheddafi, crisi in Libia, Libia
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik