14:02 17 Novembre 2019
L'ambasciata russa nel Regno Unito

Ambasciata russa in Gran Bretagna contro i media locali: compromettono le relazioni bilaterali

© Sputnik . Alex McNaughton
Mondo
URL abbreviato
171
Seguici su

I media britannici non pensano alle implicazioni che le loro notizie hanno per le relazioni tra Regno Unito e Russia. Lo ha dichiarato oggi a Sputnik un portavoce dell’ambasciata russa a Londra.

"Sfortunatamente, i giornalisti moderni, alla ricerca del sensazionalismo, si dimenticano spesso della qualità e dell'affidabilità delle notizie che pubblicano, tanto meno pensano alla responsabilità verso il pubblico. Sembra che i media britannici non pensino alle conseguenze delle loro notizie sulle relazioni russo-britanniche, ma sono molto tangibili", ha detto il portavoce.

Come esempio egli ha citato l’avvelenamento dell’ex agente dei servizi segreti russi Sergey Skripal e della figlia Yulia.

"All'inizio, con riferimento a fonti informate, i media britannici hanno lanciato varie versioni dello stesso avvelenamento, attraverso il cibo, i fiori, persino l'aria condizionata nell'auto; quindi non riuscivano a decidere con quale sostanza, se gas, liquido o gel. I sospetti erano alternativamente Mikhail Savitsky, Stepan Vikeev, poi Ruslan Petrov e Alexander Boshirov. Attualmente, il tema dell'incidente di Salisbury è completamente ignorato, così come i risultati dell'indagine ufficiale", ha spiegato il portavoce.

LEGGI ANCHE: L'ambasciata russa in Gran Bretagna segnala pregiudizi nei confronti dei diplomatici

"Vorremmo sottolineare che il giornalismo di scarsa qualità è principalmente uno strumento per diffondere informazioni false o contraddittorie al fine di manipolare l’opinione pubblica. Giocare con i fatti non può che esacerbare le differenze e minare la fiducia, che è così necessaria per costruire relazioni bilaterali equilibrate", ha concluso il portavoce.

Il 4 marzo l'ex ufficiale del GRU Sergey Skripal e sua figlia Yulia sono stati avvelenati a Salisbury, provocando un grande scandalo internazionale. Londra sostiene che la Russia sia direttamente coinvolta nei fatti. La Russia lo nega categoricamente e ha proposto alle autorità britanniche di condurre un'indagine congiunta, ma queste hanno ignorato l’offerta. Più tardi, Londra ha diffuso le fotografie di due sospetti, gli agenti del GRU Alexander Petrov e Ruslan Boshirov. Ma Mosca sostiene che i due nomi “non dicono nulla”.

Correlati:

GB, ambasciata russa critica la continua militarizzazione della NATO
L'ambasciata russa in Gran Bretagna segnala pregiudizi nei confronti dei diplomatici
Tags:
Media, Ambasciata, Russia, Gran Bretagna
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik