07:05 17 Giugno 2019
La costruzione di Nord Stream-2

Angela Merkel: Commissione Europea non può ostacolare Nord Stream 2

© Foto: Nord Stream 2/Axel Schmidt
Mondo
URL abbreviato
3161

La Commissione Europe non potrà fermare la costruzione del Nord Stream 2 malgrado la nuova direttiva sul gas, dice il cancelliere tedesco Angela Merkel. Lo comunica il giornale Handelsblatt.

“Il progetto è quasi completamente confermato. La nuova direttiva sul gas dà alla Commissione Europea più possibilità di protesta ma non può ostacolare il progetto”, ha sottolineato.

Il cancelliere ha affermato che un fattore di grande importanza nella questione del Nord Stream 2 è l’Ucraina. Secondo lei Kiev deve restare un luogo di transito del gas anche dopo la costruzione del nuovo gasdotto.

Chi appoggia il progetto Nord Stream 2

Il progetto prevede la posa di un gasdotto composto da due linee della potenza complessiva di 55 miliardi di metri cubi all’anno. Il percorso del gasdotto parte dalla costa russa e attraversa il Mar Baltico per raggiungere la Germania. Inoltre Nord Stream 2 attraverserà le zone economiche territoriali o esclusive di Finlandia, Svezia e Danimarca.

Della realizzazione del progetto si occupa l’azienda Nord Stream 2AG. Il colosso russo Gazprom investirà la metà del budget necessario, mentre il resto sarà coperto dai suoi partner europei Uniper, Wintershall, OMV, Shell e Engie.

La Germania si è schierata a favore della costruzione, sottolineando il carattere economico del progetto. Secondo il ministro dell’Economia Peter Altmaier il Nord Stream 2 contribuirà alla stabilizzazione del rifornimento di gas in Europa.

Il progetto è appoggiato anche dall’Austria, che è interessata ad avere un rifornimento affidabile di gas. Vienna sottolinea che l’intenzione degli USA di introdurre le sanzioni contro chi partecipa al progetto “fanno sorgere dubbi dal punto di vista del diritto internazionale”. Come ha detto il CEO del più grande produttore e raffinatore di petrolio in Austria, Rainer Seele, la Russia ha già da tempo dimostrato di essere un rifornitore affidabile di risorse energetiche.

Anche la Norvegia è a favore del progetto: al governo norvegese appartiene il 30% delle azioni dell’azienda Kvaerner, uno degli appaltatori della posa del gasdotto.

Sono invece contrari USA, Ucraina, Polonia e altri paesi. Secondo gli oppositori il Nord Stream 2 è un progetto politico, mentre le autorità russe hanno più volte dichiarato che si tratta esclusivamente di un progetto commerciale con lo scopo di aumentare la sicurezza energetica in Europa.

Correlati:

Gasdotto Nord Stream-2, non serve “piano B” per il rischio di sanzioni USA
Esposto contro Gazprom della società ucraina Naftogaz a Bruxelles per Nord Stream-2
USA ricordano alle compagnie tedesche le sanzioni per Nord Stream 2
Tags:
Russia-UE, Russia, UE, Europa, Angela Merkel, Germania, Nord Stream
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik