Widgets Magazine
22:42 12 Novembre 2019

ONU: mangiare insetti fa bene alla salute

CC0 / Pixabay
Mondo
URL abbreviato
1228
Seguici su

Il deficit globale di generi alimentari e la ricerca di prodotti nutrienti ed ecologici porta i consumatori e i ricercatori a riflettere su fonti di nutrimento meno tradizionali, la più promettente delle quali sono gli insetti.

Un’esperta dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, Julia Muir, ha raccontato a Sputnik che per più di due miliardi di persone mangiare gli insetti non è una novità ma un’attività abituale.

“Oggi nel mondo si osserva, se non proprio un movimento, un interesse diretto soprattutto alla ricerca di cibo non solo nutriente, ma anche di origine organica… Il valore nutritivo degli insetti dipende da specie, fase della crescita e habitat, ma in generale gli insetti contengono un’ingente quantità di proteine, paragonabile a quella del pesce, acidi grassi saturi, molto utili per i bambini malnutriti, fibre, fosforo, magnesio e zinco”, spiega l’esperta.

Secondo Ivan Albano, direttore di Italian Cricket Farm, che da anni alleva grilli in una zona vicino a Torino, “le statistiche del consumo mostrano che se entro il 2050 non troveremo un’altra fonte di proteine, al mondo non ce ne saranno abbastanza per tutti”. L’imprenditore spiega che il segreto del valore nutritivo dei grilli consiste soprattutto nell’alto contenuto di proteine. Inoltre per un chilo di peso i grilli consumano 2000 volte meno acqua e hanno bisogno di 6 volte meno cibo rispetto alle mucche.

“In natura non c’è nient’altro che in forma essiccata contenga il 60-70% di proteine. La produzione di un chilo di proteine a partire dagli insetti provoca l’emissione dell’1% dell’anidride carbonica emessa per la produzione di proteine animali”, afferma Albano.

GUARDARE PER CREDERE: il canale YOUTUBE di Sputnik Italia

Secondo l’imprenditore i grilli possono entrare a far parte della dieta di chiunque sotto forma di farina da aggiungere in proporzione 1:9 nei prodotti da forno o nell’impasto per la pasta. La “farina di insetti” ha l’aspetto delle nocciole frullate, in quanto durante la produzione viene parzialmente tostata. Albano si dice sicuro che “il permesso di produrre generi alimentari (a base di insetti, ndr) in Europa permetterebbe di far mangiare gli insetti italiani non solo gli animali, ma anche le persone”.

Tuttavia Julia Muir è convinta che gli insetti non possono essere l’unica soluzione al problema della fame nel mondo in quanto “al momento attuale sono sottovalutati”. L’esperta ha aggiunto che “le organizzazioni come il Programma alimentare mondiale dell’ONU possono inserire ingredienti a base di insetti nei set alimentari altamente nutritivi”.

Parlando del potenziale dei nuovi tipi di generi alimentari, Muir ha valutato positivamente le nuove leggi di alcuni paesi europei che permetteranno di usare gli insetti come fonte di nutrimento per le persone.

TI POTREBBE INTERESSARE: Animali ed insetti robot per l'esercito sudcoreano entro 2024

“Nonostante le persone abbiano un certo timore di fronte a questi generi alimentari, quando in futuro saranno approvate e diffuse leggi precise vedremo una crescita più rapida. Da una parte questo fenomeno è già in corso”.

“Vedremo più prodotti sul mercato, forse contenenti ingredienti a base di insetti “invisibili”, come la farina di grilli o gli insetti in polvere. Negli ultimi dieci anni sono apparse le barrette energetiche e gli snack. Questo formato potrebbe essere, diciamo così, più appetibile per i paesi occidentali. A livello globale vedremo una crescita del consumo degli insetti nei mangimi grazie ai loro vantaggi dal punto di vista nutritivo ed ecologico”.

Correlati:

La Cina progetta un acquedotto dal lago Baikal per fronteggiare la carenza di acqua
Animali ed insetti robot per l'esercito sudcoreano entro 2024
Trovata la causa principale della catastrofe più grande della Terra
Tags:
Salute, Emergenza cibo, Cibo, ONU, Ricerca scientifica, Insetti
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik