20:36 08 Agosto 2020
Mondo
URL abbreviato
0 40
Seguici su

Il principale carro armato dell'esercito britannico Chieftain, rimasto in servizio dal 1966 al 1995, era vulnerabile ai tank sovietici T-64 e T-72. Lo ha nel suo blog l'esperto militare russo Andrey Tarasenko con riferimento alla traduzione di un rapporto britannico.

Dal documento emerge che l'armatura frontale del Chieftain era perforabile dalle granate dei cannoni dei T-64 e T-72 con calibro di 115 e 125 millimetri rispettivamente, lanciate da una distanza fino a tre chilometri o più. Il carro armato britannico era inoltre vulnerabile a tutte le altre munizioni di qualsiasi calibro. Si osserva che la sua difesa non poteva essere migliorata a costi economicamente ragionevoli.

Nella pubblicazione si rileva inoltre la minor potenza del Chieftain rispetto ai mezzi sovietici: 13 contro 20 cavalli per tonnellata rispettivamente. Inoltre l'articolo afferma che l'affidabilità e la manutenibilità del tank britannico "lasciava molto a desiderare".

I carri armati Chieftain sono stati usati in battaglia nella guerra tra Iran e Iraq degli anni '80.

Durante questo conflitto, i carri armati britannici si sono sfidati con i tank T-72 iracheni di fabbricazione sovietica subendo pesanti perdite sul campo di battaglia.

Negli anni '90 i Chieftain furono sostituiti dai carri armati Challenger, progettati sulla base di una delle versioni del suo predecessore.

Tags:
URSS, Regno Unito, carro armato, Carro armato T-72, Armi
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook