Widgets Magazine
11:52 22 Settembre 2019
La bandiera USA

Guardian: “l’esclusività americana è viva e vegeta", gli americani sono i più patriottici di tutti

© Sputnik . Pavel Lisitsin
Mondo
URL abbreviato
6413
Seguici su

Un sondaggio del progetto sociologico YouGov-Cambridge Globalism Project ha mostrato che molti cittadini statunitensi continuano ad apprezzare la loro nazione. Il 37% degli americani intervistati ha affermato di vivere nel "miglior paese del mondo", superando gli intervistati di altri paesi su questo indicatore, scrive The Guardian.

Più del 40% degli americani dichiara di avere una "forte antipatia" per il proprio presidente, il 70% definisce le "autorità" elettive "fraudolente" e il 64% crede che il Paese sia "diviso tra gente comune e una élite corrotta che li sfrutta". Ma qualunque sia la loro opinione, molti negli Stati Uniti continuano a credere nello "scintillante mito nazionale", scrive The Guardian.

In termini di orgoglio nazionale, gli americani sono ancora più numerosi dei cittadini di altri stati. Gli autori del Globalism Project YouGov-Cambridge, che copre 23 paesi del mondo, sono giunti a questa conclusione, spiega la pubblicazione.

Tutto ciò suggerisce che negli ultimi due anni, mentre Donald Trump ha cercato di ripristinare "l'antica grandezza" negli Stati Uniti, l'esclusività americana "è viva e vegeta". Soprattutto in confronto con altre nazioni, osserva The Guardian.

Solo il 6% dei francesi ha concordato che il loro paese è "il migliore del mondo". Nel Regno Unito, questo valore era del 10%. La Germania ha avuto il tasso più basso, pari al 5% dei suoi cittadini.

Il 29% degli australiani e il 28% dei canadesi erano più ottimisti nel valutare i loro stati. La Cina è stata definita la "migliore del mondo" dal 29% dei suoi abitanti. L'Arabia Saudita era ancora più alta, ricevendo il 33% dell'approvazione dei suoi cittadini.

Ma gli americani hanno superato tutti: il 37% degli intervistati ha classificato il proprio paese come "il migliore del mondo". Secondo un altro 28%, gli Stati Uniti superano la maggior parte degli altri paesi. E solo il 7%, il più basso nel sondaggio, ritiene che il loro paese sia inferiore alla maggior parte degli altri.

Allo stesso tempo, i cittadini statunitensi hanno un'altra caratteristica distintiva: un numero record di viaggi all'estero. Il 65% degli intervistati, prima fra tutti gli americani, ha ammesso di non essere mai stato all'estero nell'ultimo anno.

Tra gli americani che hanno riconosciuto il loro paese come "il migliore del mondo", il 71% ha dichiarato di non aver lasciato gli Stati Uniti durante le vacanze dello scorso anno. Un altro 15% ha riferito che in generale solo una o due volte è andato all'estero.

Lo storico della Virgin S. University Peter S. Onuf crede che le manifestazioni dell'esclusività americana non siano necessariamente legate all'arroganza, come può sembrare a un estraneo. A suo avviso, questo piuttosto è un riflesso della controversia tra una repubblica relativamente giovane per gli standard storici e di ciò che in realtà si intende per America

"Non credo che le persone in altri perdino tempo in tali dispute. Ma gli americani fin dall'inizio dovevano giustificare e spiegare la loro esistenza. E il loro desiderio di riconoscimento, basato sulle presunte azioni dei fondatori durante la rivoluzione, è diventato un'eredità che si è rivelata una speranza e un peso", sostiene lo scienziato.

Secondo Onuf , l'esclusività americana ha due lati semplici. Uno ha una forma iperbolica, "che può essere trovata ai raduni dei sostenitori di Trump". Ma c'è anche "esclusività progressista" che è sempre stata associata al potenziale e alla speranza che gli Stati Uniti personifichino per il resto del mondo.

Il sondaggio del Globalism Project di YouGov-Cambridge mostra che la credenza nel potenziale americano non è limitata agli Stati Uniti. Nella lista dei paesi più venerati tra gli intervistati, l'America si è classificata seconda, perdendo in Giappone, ma superando il Canada.

Tuttavia, il progetto mostra che l'ammirazione degli Stati Uniti è tutt'altro che universale. Le tre parole e frasi principali associate all'America sono "economicamente efficaci", "prepotenti" e "irresponsabili".

Gli americani si vedono in modo diverso, preferendo definire il loro paese in termini di "successo economico", "corrotto" e "innovativo". Ma in quarto luogo è un'espressione che può dare agli ardenti sostenitori dell'unicità americana molto da pensare: "in declino".

La sensazione che il Paese sia in declino, unita a un senso di potenziale non sfruttato, tormenta molti americani di sinistra, afferma Onuf. Ora, ha detto, tra i sostenitori delle opinioni progressiste, c'è il timore che il mondo "porrà fine al comportamento dissoluto dell'America", che, ironia della sorte, è causato dall'incompetenza della leadership del paese.

Correlati:

USA, Trump: Obama ha rovinato il settore militare nazionale
Aumento povertà, frattura tra ricchi e poveri: in declino il benessere della società USA
Tags:
USA, patriottismo, idea nazionale, nazionalismo, nazionale
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik