Widgets Magazine
21:09 18 Luglio 2019
Presidenti della Russia e Bielorussia Vladimir Putin e Alexander Lukashenko, il 29 dicembre 2019

A Lukashenko è piaciuta la dura reazione di Putin alla questione del “petrolio sporco”

© Sputnik . Grygory Sisoev
Mondo
URL abbreviato
1231

Il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko ha apprezzato la dura reazione del collega russo Vladimir Putin alla situazione con petrolio di scarsa qualità pompato attraverso il principale sistema di oleodotti Druzhba.

"A Pechino abbiamo parlato con Putin sul fatto che i responsabili (della contaminazione petrolifera negli oleodotti) dovranno pagare. E ha fatto un buon lavoro, ha reagito molto duramente a questo come mai prima... Ha chiesto al governo, e ha mobilitato i ministri, le forze dell'ordine e persino all’FSB, cosa che raramente accade per questo tipo di situazione, e devo dire che Bortnikov e i suoi colleghi hanno trovato rapidamente i colpevoli e hanno dovuto rispondere", ha detto Lukashenko.

Il problema della qualità del petrolio proveniente dalla Federazione Russa in Bielorussia attraverso l’oleodotto Druzhba è sorto nella seconda metà di aprile. Transneft ha riconosciuto l'alto contenuto di cloruri e ha annunciato l'adozione di misure per risolvere il problema il prima possibile. Polonia e Ucraina, attraverso le quali il petrolio di Druzhba transita in altri paesi europei, hanno smesso di ricevere petrolio il 24 e il 25 aprile rispettivamente. Il 2 maggio, il petrolio di alta qualità dalla Federazione Russa è arrivato a Druzhba al confine con la Bielorussia, e il 4 maggio, presso la stazione di dispacciamento della linea Mozyr di OAO Gomeltransneft Druzhba.

Alla fine di aprile, il capo di Transneft, Nikolay Tokarev, ha informato Putin della situazione relativa al trasporto di petrolio di bassa qualità attraverso l’oleodotto, definendo una frode la consegna di petrolio contaminato attraverso la condotta Druzhba. Putin ha definito molto gravi i danni economici, materiali e d’immagine alla Federazione Russa dalla situazione sull’oleodotto Druzhba.

A maggio, il ministro dell'Energia della Federazione Russa, Alexander Novak, ha riferito che i materiali della commissione interdipartimentale, che analizzano i dettagli del petrolio di bassa qualità che entra nell'oleodotto, sono stati trasferiti all'Ufficio del Procuratore Generale, quattro persone sono state arrestate.

Correlati:

Bielorussia, ristabilite le forniture di petrolio dalla Russia
La Bielorussia ha lasciato l’Europa senza benzina per via della Russia
Ministro Difesa bielorusso: Polonia e Paesi Baltici vogliono nascondersi dietro la NATO
Tags:
Russia, Bielorussia, Alexander Lukashenko, Vladimir Putin, Petrolio, Petrolio, Oleodotto
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik