12:20 10 Dicembre 2019
Hawaii

Un’altra risorsa limitata è a rischio nei prossimi anni

© Foto : Pixabay
Mondo
URL abbreviato
0 12
Seguici su

Secondo un nuovo rapporto delle Nazioni Unite, negli ultimi 20 anni, la domanda di sabbia e ghiaia è triplicata. L'estrazione della sabbia, la terza risorsa più utilizzata sul pianeta dopo aria e acqua, sta crescendo ad un ritmo incontrollato e varia da 40 a 50 miliardi di tonnellate all'anno. "I fiumi, i delta e le rive sono stati ripuliti, l'attività criminale della mafia della sabbia fiorisce, e la richiesta di sabbia sta crescendo", dice il rapporto.

La sabbia è una risorsa limitata insieme a idrocarburi, foreste e acqua dolce. E di recente, gli scienziati hanno avvertito: le riserve di sabbia si stanno riducendo ogni anno, l'umanità dovrà affrontare una carenza di sabbia.

Il motivo principale per l'elevata domanda è la crescita dell'attività di costruzione globale, soprattutto in paesi come la Cina e l'India. La sabbia, come l'acqua, il cemento e la ghiaia, è un componente necessario per la produzione di calcestruzzo. Ad esempio, per costruire una piccola casa familiare sono necessarie 200 tonnellate di sabbia. E la necessità di sabbia e ghiaia per la costruzione di edifici e strade, secondo alcune stime, crescerà in tutto il mondo del 5,5% all'anno.

I dati del Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP) suggeriscono che l'estrazione di sabbia in luoghi con ecosistemi fragili porterà a conseguenze ambientali significative. A lungo termine, questo potrebbe causare molte inondazioni. L'estrazione di sabbia sulle spiagge minaccia di distruggere la biodiversità locale: gli animali marini e fluviali potrebbero perdere i loro habitat. Nei fiumi e nelle foreste di mangrovie, l'estrazione della sabbia uccide i granchi che vivono lì.

La sabbia è anche utilizzata per la produzione di vetro, cosmetici, dentifricio, microchip, schermi di smartphone, automobili e aeroplani, e anche per la produzione di cibo e nell'industria del vino. In generale, dopo aria e acqua, è la risorsa più naturale utilizzata dall'umanità. "La nostra società è letteralmente costruita sulla sabbia", ha dichiarato Pascal Peduzzi, project manager dell'UNEP.

L'UNEP sostiene l'adozione di regole internazionali per l'estrazione della sabbia in diverse regioni del mondo. Richiede anche la ricerca di un'alternativa alla sabbia e la sua parziale sostituzione, ove possibile. Ad esempio, invece di sabbia, plastica riciclata, bambù, legno, paglia e altri materiali sono già utilizzati nella costruzione di strade e edifici.

Correlati:

Scienziati scoprono potenziale rischio per l’acqua potabile del pianeta
Francia, barriera corallina artificiale sarà smantellata perché pericolosa per l’ambiente
Ambiente, a Verona una giornata per un mare senza plastica
Tags:
Disastro ambientale, disastro ambientale, Ambiente, risorse
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik