06:02 08 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
0 72
Seguici su

Le tecnologie moderne non sono ancora in grado di trasformare i deserti in giardini rigogliosi. Gli ingegneri in tutto il mondo però stanno lavorando per costruire nel Sahara la più grande centrale elettrica al mondo.

Pochi pensano a quanto sia sorprendente il deserto del Sahara. Se fosse un paese, occuperebbe la quinta area più grande del mondo, appena dietro alla Cina e agli Stati Uniti. Secondo le stime della NASA, viene fornita una media di 2.000-3.000 kilowattora di energia solare per metro quadrato di sabbia all'anno. Considerando che il Sahara copre circa 9.000.000 km², l'energia disponibile totale supererebbe i 22.000.000 Gigawatt-ora all'anno!

Cosa significano tutti questi numeri in un contesto industriale? Ipoteticamente, una fattoria solare delle dimensioni di un tale deserto produrrebbe 2.000 volte più energia rispetto alle più grandi centrali elettriche del mondo, e, indipendentemente dalla loro tipologia, raggiungono a malapena i 100.000 GWh all'anno. In effetti, l'equivalente dell'energia ricevuta è paragonabile a più di 36.000.000.000 di barili di petrolio all'anno, cioè circa 5 barili a persona. In altre parole, l'impianto solare "Sahara" sarebbe in grado di produrre 7.000 volte più energia di tutta l'Europa, e allo stesso tempo praticamente non emettere gas serra nell'aria.

Inoltre, il vantaggio del Sahara è proprio il fatto che si trova molto vicino all'Europa. La distanza più breve tra il Nord Africa e l'Europa è di soli 15 km: questa è l'area dello Stretto di Gibilterra. Ma anche molta più distanza, diciamo per l'intera lunghezza del Mar Mediterraneo, sarebbe anche abbastanza pratica. Alla fine, il cavo sottomarino più lungo percorre ben 600 km tra Norvegia e Paesi Bassi.

Attualmente ci sono due tecnologie per generare elettricità dall'energia solare, ognuna con i suoi vantaggi e svantaggi. La prima sono le celle solari fotovoltaiche convenzionali. La secondo è il metodo di concentrazione dell'energia solare, che utilizza un sistema di lenti o specchi per focalizzare i raggi del sole in un punto, che di conseguenza inizia a riscaldarsi intensamente. Questo calore può muovere, ad esempio, turbine a vapore, che a loro volta generano elettricità. Usando i sali fusi, si può accumulare energia e continuare a produrre elettricità anche di notte.

La maggior parte dei ricercatori propone di combinare entrambe queste tecnologie per creare un sistema ibrido. Il problema principale è anche un piccolo, ma significativo consumo di acqua per la sua manutenzione, che è molto problematico nelle sabbie. Tuttavia, secondo gli esperti, vale la pena iniziare in piccolo e gradualmente, per tentativi ed errori. Quindi, nel tempo, la centrale elettrica del deserto diventerà sempre più efficiente. Chissà, forse queste gigantesche centrali elettriche in futuro elimineranno quasi completamente l'uso di combustibili fossili.

Correlati:

Energie rinnovabili, fondo d'investimento Solar world invest punta sull'Europa orientale
L'aeroplano ad energia solare Solar Impulse 2 parte per un viaggio intorno al mondo
Tags:
tecnologie, tecnologia, tecnologia, Tecnologia, Energia solare, energia solare
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook