Widgets Magazine
15:42 18 Luglio 2019
Il Pentagono

Missile segreto killer che non esplode a disposizione di CIA e Pentagono

CC BY 2.0 / susansimon / the Pentagon from above
Mondo
URL abbreviato
10127

Il Pentagono e la CIA nel 2017 hanno utilizzato nelle operazioni militari in Libia, Siria, Iraq, Yemen e Somalia un missile segreto che non esplode, ma cade sul bersaglio e uccidendolo con le lame che "tagliano tutto sul suo cammino", ha scritto il Wall Street Journal riferendosi ad ex funzionari statunitensi anonimi.

L'arma, la cui progettazione e impiego sono mantenute nel riserbo, è una versione modificata del missile Hellfire, equipaggiato con una testata con ingranaggio inattivo.

Come osservato dal giornale, il razzo R9X non esplode, ma cade sul potenziale bersaglio distruggendo automobili ed edifici con il suo peso. L'arma è inoltre dotata di un equipaggiamento speciale, in particolare 6 lunghe lame, che vengono rilasciate pochi secondi prima di colpire il bersaglio, "tagliando tutto sul suo cammino".

In gergo, il razzo è chiamato "Ginsu volante" riferendosi ai coltelli popolari negli anni 70-80 o "bomba ninja".

I militari americani hanno usato raramente questo razzo, solo a determinate condizioni, rileva il giornale. In particolare quando la posizione di un leader di un gruppo terroristico è stabilita con precisione, ma l'uso di altre armi convenzionali potrebbe provocare un gran numero di vittime civili.

Complessivamente, secondo le fonti del giornale, è stato utilizzato circa 5 volte durante le operazioni in Libia, Siria, Iraq, Yemen e Somalia.

Gli americani hanno iniziato a sviluppare questo tipo di arma dal 2011, ha aggiunto il Wall Street Journal.

Il razzo R9X è stato progettato durante il mandato di Barack Obama con l'obiettivo di evitare vittime civili durante i raid aerei.

Tags:
Terrorismo, Tecnologia, Difesa, Sicurezza, Wall Street Journal, Armi, esercito USA, CIA, Pentagono, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik