07:24 14 Novembre 2019

Montenegro: cittadini russi condannati a 15 e 12 anni di reclusione

© REUTERS / Stevo Vasiljevic
Mondo
URL abbreviato
429
Seguici su

Il tribunale supremo del Montenegro ha incolpato i cittadini russi Eduard Šišmakov e Vladimir Popov di aver partecipato al tentativo di colpo di stato. Il processo è stato trasmesso in diretta dalla TV nazionale ed è avvenuto in assenza degli imputati.

Al momento della proclamazione della pena il giudice Suzana Mugoša ha dichiarato che gli stessi Šišmakov e Popov hanno riconosciuto l’illegalità delle proprie azioni.

Secondo il giudice i cittadini russi “hanno deliberatamente partecipato alla realizzazione del crimine allo scopo di spaventare i cittadini del Montenegro, attaccare la vita e la salute di un’altra persona, esporre al rischio le basi della struttura sociale del Montenegro e prevenire l’ingresso del Montenegro nella NATO”.

Il giudice ha inoltre sottolineato che Šišmakov e Popov sono gli ideatori e gli organizzatori dei tentativi di colpo di stato e hanno fornito agli altri partecipanti denaro e istruzioni.

Šišmakov e Popov sono stati condannati rispettivamente a 15 e 12 anni di reclusione.

Oltre a loro, altre 12 persone sono state dichiarate colpevoli. Tra questi, i leader del “Fronte democratico” dell’opposizione Andrija Mandić e Milan Knežević hanno ricevuto una condanna a 5 anni. Gli altri colpevoli sono stati condannati alla reclusione per diversi periodi di tempo.

I riappressanti ufficiali della Russia avevano precedentemente dichiarato che le accuse nei confronti della Russia erano infondate. Secondo le parole del rappresentante ufficiale del Ministero degli Esteri Maria Zakharova le accuse sarebbero finalizzate a giustificare agli occhi del popolo montenegrino l’ingresso del paese nella NATO.

Correlati:

Primo ministro estone valuta le esercitazioni NATO
La Macedonia del Nord continuerà il suo percorso per entrare nella NATO
Il più grande ostacolo all’entrata del Montenegro nell’UE è il suo presidente
Tags:
Colpo di stato, NATO, Russia, Montenegro
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik